Vaccini, Zullo: la Regione verifichi la possibilità di acquistare dosi su mercato libero

Condividi

La dichiarazione del capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Ignazio Zullo

“Da questa pandemia si riprenderanno prima, sia sul piano economico sia sul piano sociale, quei Paesi e quelle Regioni che riusciranno a vaccinare la propria comunità raggiungendo in un breve lasso di tempo l’immunità di gregge. In questo caso agire con rapidità è non solo essenziale ma VITALE, perché siamo di fronte ad un virus a RNA a unico filamento e perciò facilmente suscettibile alle mutazioni, se continua a circolare. Quindi, o si accelera la campagna vaccinale, oppure la campagna vaccinale va affiancata da tamponi a tappeto per isolare i positivi e frenare la circolazione del virus. Per questo il nostro consiglio ai vertici della Regione Puglia è o di affiancare tamponi a tappeto alla campagna vaccinale (a proposito, che fine hanno fatto i tamponi antigenici?), oppure di comprare vaccini anti-covid in proprio se davvero si vuole entro l’estate ottenere l’immunità di gregge, e quindi permettere ai pugliesi un ritorno in qualche modo ‘normale” alla vita quotidiana. Chiaramente non ci sfugge che ci siano accordi internazionali per l’acquisto delle dosi fra le aziende farmaceutiche e la Commissione Europea, ma la Regione Puglia verifichi, come sta facendo il Veneto, la possibilità di andare sul libero mercato, magari attraverso un confronto con le altre Regioni e con il commissario Domenico Arcuri e il ministro Roberto Speranza, per cercare insieme modi legittimi e non in distonia con l’Unione Europea perché, ripeto, è fondamentale portare a termine in breve tempo la campagna vaccinale. Insomma, se questa via è percorribile la Regione Puglia la pratichi perché mai come in questo momento è indispensabile velocizzare la vaccinazione di massa. E’ chiaro che lo sforzo da mettere in campo è anche uno sforzo di coraggio: bisognerà fare delle scelte sul piano economico. I vaccini costano sul mercato libero, ma Michele Emiliano deve convincersi che un vaccino è una misura di prevenzione e costa molto, ma molto meno, della cura negli ospedali che affannosamente allestisce con grosso impegno di danaro pubblico, e l’ospedale Covid in Fiera del Levante ne è una monumentale testimonianza.  Se lo fa ci sarà meno bisogni di posti letto di terapia intensiva e sub intensiva. La parola d’ordine, dunque, è fare presto: le varianti del Covid, oggi, sono ancora coperte dai vaccini in commercio, ma potrebbero cambiare e i vaccini oggi utilizzati potrebbero non essere più efficaci. Per questo è necessario fare tutto ciò che è possibile per salvaguardare i pugliesi il prima possibile”.

Ignazio Zullo capogruppo regionale di Fratelli d’Italia
 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento