A Statte finisce incubo per cento famiglie di via teatro Alhambra

Condividi

Il consigliere Ivan Orlando

Per un centinaio di famiglie di via Teatro Alhambra, nella zona San Girolamo di Statte, finisce un piccolo incubo che speriamo di poter festeggiare degnamente tra qualche settimana, quando verrà smantellato il cantiere che si sta occupando, ormai da circa due mesi, delle fondamenta di questi alloggi di Edilizia Residenziale nell’ex borgata cittadina. A darne notizia è il consigliere comunale di Statte, con delega alle periferie, Ivan Orlando.

E’ sua infatti la prima denuncia del 2011 quando a seguito di sopralluoghi e confronti con i cittadini emerse il rischio incombente sulla staticità di questi otto palazzi. Parliamo di fondamenta su cui per troppi anni non si era fatta la manutenzione ordinaria, e che pian piano aveva invece costretto tutti noi a invocare misure straordinarie di intervento – dice Orlando – come abbiamo fatto poi anche grazie al lavoro di ARCA Jonica e al lavoro di sintesi svolto a quel tempo in Regione dall’ex assessore regionale Mino Borracino.

Lavori fondamenta

Lo stanziamento arrivato sul finire della scorsa legislatura regionale aveva, infatti, destinato a tutti gli edifici di via Teatro Alhambra a Statte 200mila euro, mentre all’edificio “CH” di via Lago di Monticchio al quartiere Salinella a Taranto, 100mila euro.

Un risultato che solo in parte riguarda il fattore del disagio abitativo vissuto da quelle famiglie – spiega ancora Ivan Orlando – perché per quelle persone si chiude definitivamente un capitolo di grande disaffezione verso le istituzioni territoriali che fino a poco tempo fa erano rimaste sorde alle loro richieste.

Il cantiere sarà consegnato definitivamente nelle prossime settimane – conclude il consigliere comunale di Statte – e dopodichè tutti gli sforzi saranno puntati su un’altra richiesta di finanziamento, questa volta di quasi il doppio (circa 460mila euro) per gli edifici di via Teatro dell’Opera denominati “Tetti Blu”.

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento