Cons. Borraccino, zona franca doganale del porto di Taranto: grossa opportunità di crescita economica ed occupazione per il territorio jonico

Condividi

Approvato il 16 febbraio 2021 il Regolamento per il funzionamento della Zona Franca Doganale del Porto di Taranto.

Con ordinanza del Presidente dell’Autorità, avv. Sergio Prete, approvato dalla Direzione Generale dell’Agenzia Dogane Monopoli, entra in vigore questo strumento strategico capace di portare sviluppo ed occupazione all’intero territorio jonico.

Il Presidente Emiliano da anni segue con attenzione questo straordinario volano di crescita della nostra provincia.

La ZFD rappresenta una grande opportunità per le imprese che vorranno insediarsi nel porto di Taranto e nelle aree retroportuali che potranno così implementare le proprie attività produttive, commerciali e di servizi.

Molteplici sono infatti i vantaggi esclusivi della ZFD: doganali, commerciali, finanziari e logistico-operativi.

Si potranno infatti stoccare, lavorare, trasformare le merci in regime di sospensione dei diritti doganali, consentendo alle imprese di trarre benefici per le proprie attività economiche, produttive, logistiche.

La Zona Franca Doganale del Porto di Taranto comprende una superficie totale di  quasi 163 ettari, sarà dotata di recinzioni sottoposte a vigilanza doganale, con varchi di ingresso e di uscita.

E’ frutto di un lungo lavoro portato avanti in questi ultimi anni, che ci ha visti impegnati, insieme all’Autorità Portuale di Taranto, come Regione Puglia col Presidente Michele Emiliano, e personalmente prima come Assessore allo sviluppo economico ed ora come suo consigliere politico, in un gioco corale insieme alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, attraverso il già Sottosegretario Mario Turco e al Comune di Taranto con l’attenta giuda del Sindaco Melucci.

Cosimo Borraccino
consigliere del Presidente Emiliano
per il coordinamento del Piano Taranto
 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento