CronacaPRIMO PIANO

Spacciava droga affacciato alla finestra, 34enne albanese arrestato dalla Polizia di Stato

Condividi

Sempre alta l’attenzione dei Falchi della Squadra Mobile nella lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti.

I poliziotti da alcuni giorni avevano posto sotto controllo un pregiudicato di origini albanese di 34 anni,  già noto alle forza di Polizia per le sue precedenti attività di spaccio e di ricettazione. Dal suo appartamento sito al piano terra di uno stabile di via Veneto, gli agenti hanno notato che il 34enne albanese, durante l’arco della giornata, affacciato alla finestra, aveva continui incontri con giovani, molti dei  quali conosciuti come abituali consumatori di cocaina,  ai quali  con rapidissimi scambi forniva la dose di sostanza stupefacente. Dopo aver annotato la continua attività di spaccio, i Falchi hanno deciso di interrompere l’illecito traffico facendo irruzione nell’appartamento.  Nella minuziosa perquisizione, i poliziotti sono riusciti a scovare, in un doppiofondo creato sotto il vano contenitore del letto, numerose dosi di cocaina già preconfezionate e pronte per lo spaccio, due panetti di hashish e 400 euro in banconote di vario taglio oltre a tutto il necessario per il confezionamento  delle sostanze stupefacenti.

Dopo  il ritrovamento della droga, l’attenzione di polizotti è stata attratta dal continuo abbaiare di un cane, che proveniva da una stanza dell’appartamento chiusa a chiave. Insospettiti, i Falchi hanno così deciso di approfondire la questione, nonostante il padrone di casa ha cercato di evitare il controllo mettendoli in guardia dall’eccessiva aggressività del cane di razza “pit bull”. Dopo aver allontanato l’animale, i poliziotti sono riusciti ad entrare nella stanza recuperando numerosa refurtiva, parte della quale era stata già trovata nei primi giorni dello scorso mese di febbraio. Nel frangente furono denunciati due pregiudicati tarantini, trovati in possesso di numeroso materiale da sub di proprietà di un’associazione ONLUS impegnata nell’addestramento subacqueo di ragazzi con disabilità. 

Al termine dell’operazione il 34enne pregiudicato  albanese IBRO Indrit è stato arrestato per detenzione e spaccio di sostanza stupefacenti e denunciato in stato di libertà per il reato di ricettazione. Tutta la merce recuperata è stata portata negli uffici della Questura dove sono in corso le indagini per accertare la provenienza e identificare gli eventuali proprietari.


Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare."Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento