APERTAMENTE di Mariateresa Liuzzi. Il Covid non ferma di nostri volontari a Carosino

Condividi

CAROSINO (Ta) – I nostri volontari della Delegazione Provinciale protezione civile N.I.T.A. ERAAMBIENTE “ Ciro Campagna “ di Carosino, non abbandonano la loro vocazione, continuano con la loro presenza nella palestra  “Orazio Flacco”, dove hanno luogo i vaccini per le persone che hanno ricevuto l’invito da parte del Comune. Ma oltre a questo continuano a svolgere molte mansioni, tra cui quella di sorveglianza del territorio. Proprio a tale proposito, in uno dei loro giri autorizzati dal sindaco, nel perlustrare le villette e i parchetti, per verificare che non ci sia sovraffollamento, si sono imbattuti in una vera e propria discarica, nella zona di Carosino- Grottaglie, precisamente in contrada Civitella, nel canale che raggiunge anche Francavilla Fontana.

Volontari della Delegazione Provinciale protezione civile N.I.T.A. ERAAMBIENTE “ Ciro Campagna “ di Carosino durante la campagna vaccinale 

Questo canale è chiuso, ma ciò che ha attirato la loro attenzione, oltre alla grande quantità di rifiuti lasciati al suo interno, è stata la perdita di acqua dal rubinetto dell’Acquedotto Pugliese, ovviamente hanno svolto il loro compito avvisando la Polizia Locale che poi porterà all’attenzione dell’ Ente il disagio riscontrato, che per altro e anche spreco di un bene essenziale. Nei giorni scorsi, con molto piacere hanno aiutato anche l’associazione di Grottaglie nella maratona.

Canale-discarica in contrada Civitella, Carosino (Ta)

Ho voluto citare questo evento perché volevo sottolineare, come in questo periodo difficile la protezione civile si comporta come una grande famiglia, perché questo è il valore che vogliono trasmettere, che si spera raggiunga il cuore e l’anima delle persone. Continuano anche, con la massima cautela le dovute precauzioni, la consegna di farmaci e bombole di ossigeno per i poveri concittadini affetti da COVID-19 o in quarantena fiduciaria. Questa è beneficenza, questo è volontariato ed è grazie a uomini e donne come loro che riusciamo, anche se nascosti dalle mascherine, a sorridere e sperare in un giorno migliore.

Dott.ssa  Mariateresa Liuzzi

 

Condividi

Lascia un commento