Di Lena: “La decisione del Governo di chiudere le attività produttive non essenziali o strategiche nelle regioni con zona rossa è ingiusta ed improduttiva”

Condividi

Il consigliere dell’Unione dei comuni della fascia orientale della provincia di Taranto Angelo Di Lena:
“La decisione del Governo di chiudere le attività produttive non essenziali o strategiche nelle regioni con zona rossa è ingiusta ed improduttiva”.

“Il governo sta facendo un errore ed usa due pesi e due misure nel valutare le attività come essenziali o no, adducendo di non avere alternative. Tutelare noi stessi e le persone che amiamo si può a prescindere dalle attività aperte. Occorre solo maggiore controllo da parte degli organi preposti. Ripeto, la valutazione del Governo di attività strettamente necessaria, cruciale, indispensabile a garantirci beni e servizi essenziali è molto opinabile.
Tutto è necessario nella società moderna per il benessere del cittadino, altrimenti non esisterebbe, non solo i supermercati e i negozi di generi di prima necessità, ma anche palestre, circoli ecc. Si poteva fare di più e meglio senza restrizioni di zona. Stiamo rallentando il motore produttivo del Paese, fermando l’economia. L’emergenza sanitaria si sta tramutando in emergenza economica. Lo Stato non c’è per questa gente a differenza degli altri paesi europei. Servono misure straordinarie che ci permettano di ripartire quanto prima”.

Angelo Di Lena
Consigliere comunale

 

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento