Fitto-Gemmato-Perrini (Fdi): siderurgia senza politiche nazionali addio ai finanziamenti europei, mentre a Taranto campagna elettorale sulla pelle di lavoratori e cittadini

Condividi

TARANTO – La siderurgia è sicuramente stato un asset strategico per il Paese – l’ex Ilva rimane ancora il più grande stabilimento d’Europa, ma probabilmente solo per estensione non per produttività – ma lo è ancora oggi? Per questo i tre esponenti pugliesi di Fratelli d’Italia – gli onorevoli Raffaele Fitto e Marcello Gemmato e il consigliere regionale Renato Perrini considerano l’iniziativa webmeeting “Siderurgia: asset strategico del Paese” su iniziativa del senatore Adolfo Urso del Dipartimento Impresa del partito, non solo utile per interrogarsi sul futuro soprattutto dell’ex Ilva di Taranto, ma un punto di partenza per un partito che intende, coerentemente dall’opposizione, dare delle proposte per la ripartenza di un settore produttivo strategico non solo in Italia, ma a livello europeo e globale.

Di seguito la sintesi dei rispettivi interventi (si allegano i link dei tre interventi)

On. Raffaele Fitto (co-presidente del gruppo europeo ECR-FDI) che si è soffermato sulla mancanza di una visione strategica d’insieme: “In giro vedo molti arruffapopoli che propagandano la decarbonizzazione come un’opzione praticabile, ma ad oggi non vi è un solo investimento. Abbiamo ministri che tre anni fa hanno fatto comizi contro il TAP, che invece è stato terminato e oggi trasporta gas in milioni di case, ma Taranto ha perso l’opportunità di contrattare un prezzo adeguato per la trasformazione degli impianti da carbone a gas.  In mancanza di politiche nazionali industriali il rischio è che importanti investimenti europei vengano dispersi o peggio persi. Siamo alla vigilia della nuova Programmazione europea 2021-2027, ma finiamo per parlare solo dei grandi Programmi di investimento europeo (Next EU Generation e Recovery Plan), se sulle Politiche di Coesione non vi è la giusta attenzionate, anche per il settore della Siderurgia, il rischio che corre l’Italia è non solo di importare acciaio da altri Paesi, ma di dover dire addio a un asset strategico per la nostra economia”.

On. Marcello Gemmato (coordinatore nazionale Dipartimento Sanità e coordinatore regionale Puglia e Basilicata) che ha puntato il dito su chi a livello nazionale e regionale gioca la partita di lotta e di governo: “È importante per noi di Fratelli d’Italia che abbiamo l’ambizione a diventare forza di governo offrire una visione globale dei problemi e fornire soluzioni che nascano dal basso per questo ringrazio per l’apporto dei sindacati  intervenuti a questo incontro virtuale (da Taranto era collegato il segretario nazionale della Uilm-Uil, Rocco Palombella, ndr). E’ importante che la politica si appropri dei propri spazi e decida del futuro della siderurgia senza lasciarsi non solo dettare i tempi dalla magistratura, ma soprattutto con una linea coerente evitando lo squallido teatrino di chi, come il presidente Emiliano, in Puglia strizza l’occhiolino agli ambientalisti e usa un linguaggio green, mentre il suo partito, il PD, racconta a livello nazionale esattamente il contrario sul futuro dell’ex Ilva. Dobbiamo essere seri soprattutto con i lavoratori che chiedono di lavorare, ma di farlo in sicurezza. E a tal proposito torno a chiedere: che fine ha fatto il miliardo di euro sequestrato ai Riva per la riqualificazione e la bonifica del sito industriale? Lo chiedo ai commissari che ad oggi non hanno un Piano, ma non mi meraviglia visto che dietro loro c’è sempre lui Domenico Arcuri che dopo aver fatto disastri nella Sanità, per Taranto conosce solo la parola ‘cassintegrazione’”.

 

Renato Perrini (vicepresidente Commissione Sanità del Consiglio regionale) che, essendo stato anche operaio dell’ex Ilva, ha portato la testimonianza di ciò che accade a Taranto: “Questa mattina prima di collegarmi per questo interessante e utile webmeeting ho portato la mia solidarietà ai lavoratori dell’indotto del siderurgico che non sono lavoratori di serie B rispetto a quelli dello stabilimento, alcuni da mesi non ricevono lo stipendio e la situazione è davvero tragica. La verità è che in questi ultimi 10 anni a Taranto a parlare sono stati in modo particolare i venditori di fumo, sia alle Politiche del 2018 sia alle Regionali 2020. Abbiamo assistito a millantatori che hanno incantato e confuso i tarantini con progetti che prevedevano al posto dell’ex Ilva acquari, campi da golf oppure un siderurgico che dall’oggi al domani l’impianto sarebbe stato decarbonizzato. Chiacchiere che hanno per? raggiunto il loro obiettivo: percentuali altissime nelle urne! La cosa peggiore, poi, sono stati quei politici che negli ospedali, ai malati oncologici, promettevano la chiusura dello stabilimento e poi andavano in fabbrica a garantire la continuità della produzione ad Arcelor Mittal. È ora di dire basta a questi venditori di fumo e sciacalli. Taranto e il suo territorio ha bisogno di chi progetta il futuro non di chi va in cerca di consenso”.

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento