Giornata mondiale dell’acqua, situazione e prospettive

Condividi

Le previsioni per il futuro non sono rosee. Il valore multidemensionale dell’acqua ha fatto della risorsa idrica uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Il target SDG6 impegna il pianeta a fornire l’accesso universale all’acqua pulita e ai servizi igienico-sanitari entro la fine del decennio. Eppure “come evidenzia l’ultimo rapporto sui progressi di UN-Water, il mondo non è sulla buona strada per raggiungere il SDG6 nel 2030″, ha aggiunto Mohammed. Per non fallire la missione, “l‘attuale tasso di progresso dovrebbe quadruplicare”.

L’urgenza dell’azione è dettata anche dagli effetti sempre più gravi dei cambiamenti climatici. Le attuali stime prevedono che entro il 2050 più della metà della popolazione mondiale sarà a rischio a causa dello stress idrico.

«La sola desertificazione minaccia i mezzi di sussistenza di quasi un miliardo di persone in 100 paesi”, spiega Munir Akram, Presidente del Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite. “Un’intensa scarsità potrebbe spostare fino a 700 milioni di persone nel prossimo decennio».

I Giovani campioni della Terra che lottano per l’oro blu

La strada per uscire dalla crisi è segnata dai piccoli e grandi progetti nati in questi anni sul tema idrico. E in occasione della Giornata Mondiale dell’acqua 2021, l’UNEP – il programma ambientale delle Nazioni Unite – ha ricordato quei giovani innovatori che si battono per proteggere questa preziosa risorsa. Sono alcuni degli Young Champions of the Earth, imprenditori under 30 premiati per lo loro audaci idee di “cambiamento ambientale sostenibile”.

Le migliori innovazioni “mediterranee” per la gestione sostenibile dell’acqua

Non bisogna necessariamente andar lontano per trovare progetti e buone pratiche a tutela dell’oro blu. Ne è un esempio PRIMA (Partnerships for Research and Innovation in the Mediterranean Area), programma di ricerca che mira a costituire un partenariato strutturato e di lungo periodo dedicato al Mediterraneo. L’iniziativa, che vede l’Italia come il maggior finanziatore, è nata per accorpare e promuovere soluzioni innovative in campo alimentare, della gestione delle risorse idriche e dell’agricoltura sostenibile.

L’acqua è dappertutto. Una patata è costituita da acqua all’80 per cento, una mucca al 74, un batterio al 15.2 Un pomodoro, con il suo 95 per cento, è poco più che acqua. Ogni essere umano è costituito per il 65 per cento da acqua, il che ci fa più liquidi che solidi, con un rapporto di quasi due a uno.

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento