ArcelorMittal, Usb Taranto: incontro al MISE inconcludente, il Governo è pieno di dubbi e la fabbrica cade a pezzi

Condividi

L’incontro svoltosi quest’oggi presso il Ministero dello Sviluppo Economico non lascia dubbi sul fatto che USB fino a qui ha sempre avuto ragione su tutto. Oggi il Ministro Giorgetti – accompagnato dal ministro del lavoro Orlando – ha espresso al tavolo forti dubbi sulla credibilità del soggetto Arcelor-Mittal parlando di una pesante eredità in capo a questo Governo nella gestione di una vertenza in cui il gli atteggiamenti dell’azienda nei confronti del nostro paese sono “negozialmente ricattatori” ed in cui è necessario innanzitutto recuperare il pallino delle politiche industriali e della governance di stato nell’ambito delle aziende strategiche a cui si agganciano tutte quelle filiere di prodotto legate come in questo caso all’acciaio.
Il Governo in soldoni, per bocca dei suoi ministri, prende tempo sull’intervento diretto dello stato con i 400 Mln e si assume la responsabilità di una verifica ulteriore dell’accordo che prevede l’ingresso di Invitalia nel cda dell’azienda. E’ evidente però che al di là delle parole del ministro sul giudizio del Governo nei confronti del piano Arcelor Mittal, nessuno metta in dubbio per davvero questo soggetto aziendale e pensiamo che il Governo è pronto a garantire a prescindere l’iniezione di fondi pubblici.  Per USB questa è una pesante contraddizione. USB in questo incontro ha consegnato ai due Ministri un documento di analisi e proposte su questa vertenza, evidenziando da una parte come Arcelor Mittal abbia disatteso tutti gli accordi presi e indicando come unica soluzione possibile la nazionalizzazione “vera” dello stabilimento, la cacciata della multinazionale (o quantomeno l’azzeramento dell’attuale gruppo dirigente) e richiedendo che tale percorso avvenga in un quadro di pieno coinvolgimento degli enti locali. Per USB l’accordo di programma per Taranto continua ad essere la via maestra per garantire l’occupazione in un quadro di dismissione delle fonti inquinanti e di superamento del concetto della fabbrica come unica pregiudiziale per la città.

Coordinamento provinciale Usb Taranto
 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento