CALCIO SERIE D GIRONE H: il Taranto vince a Brindisi ed allunga in classifica

Condividi

BRINDISI – TARANTO 1-3

Serie D/H 2020/2021, 23a Giornata – Dom 28.03.2021

BRINDISI (4-2-3-1): 1 Pizzolato; 5 Bottari (dal 25’ 35 Rotulo), 33 Suhs, 37 Panebianco; 14 Boccadamo, 2 Nives (dall’80’ 3 Dario), 8 Iaia, 11 Palumbo (dall’84’ 9 Maglie), 21 Forbes; 16 Botta (dal 52’ 30 Buglia), 18 Calemme (dal 78’ 32 Padin). A disposizione: 22 Lacirignola, 4 Monteleone, 6 Sicignano, 20 Pizzolla. Allenatore: Claudio De Luca.

TARANTO (4-2-3-1): 1 Ciezkowski; 2 Boccia, 5 Silvestri, 6 Guastamacchia, 3 Ferrara; 7 Mastromonaco (dal 46’ 20 Serafino), 4 Marsili, 8 Tissone (dal 66’ 15 Matute), 11 Falcone (dall’84’ 16 Diaby); 9 Diaz (dal 93’ 19 Corvino), 10 N. Rizzo. A disposizione: 12 Zagari, 13 Shehu, 14 Marrazzo, 17 Versienti, 18 Tigri. Allenatore: Giuseppe Laterza.

Arbitro: Fabio Rosario Luongo di Napoli

Il Taranto vince un derby combattuto con il Brindisi che dimostra di non meritare le zone basse della classifica e si lancia in classifica anche per il contemporaneo stop per covid del Casarano. I biancazzurri vendono cara la pelle, ma è il Taranto a sorprendere per la capacità di trasformarsi in corso di gara, grazie ad un parco giocatori invidiabile creato dal direttore Montervino e alla capacità dell’allenatore jonico, malgrado le sette pesanti assenze di oggi. In proposito Laterza conferma Tissone al fianco di Marsili e schiera Mastromonaco dal primo minuto. De Luca propone un 4-2-3-1 puntando sull’intensità.

Nel PRIMO TEMPO il Brindisi si mostra molto attivo, mentre il Taranto parte più lento. La prima azione all’8’ con Boccadamo, ex di turno che fionda un tiro da lontano che esce di poco a lato. Nei primi 20 minuti non ci sono grossi pericoli per i portieri. Alla mezz’ora il Taranto un colpo di testa di Silvestri va alto sulla traversa. Al 36’ Falcone ci prova dal limite, ma calcia male e debolmente. Al 39’ Marsili, dal limite, con una delle sue tipiche conclusioni, ma la palla esce di poco. Sul capovolgimento di fronte, Botta tira nello specchio, ma la palla è fuori di pochissimo fuori. Al 42’ Tissone di testa su angolo di Marsili, butta la palla alta. Al 46’ il Brindisi va in gol con Nives, che da fuori area calcia sul secondo palo battendo Ciezkowski, piazzato male.

Nel SECONDO TEMPO Laterza sostituisce Mastromonaco, deludente, con Serafino, che al fianco di Diaz in attacco si rivela la spalla perfetta per l’attaccante argentino. Il Taranto cambia faccia e raggiunge subito il pari: Nives atterra Falcone. Dal dischetto Nicolas Rizzo non perdona e pareggia i conti. Il Brindisi accusa il colpo, il Taranto accelera il forcing offensivo; è Diaz, che su un tiro di Tissone, davanti al portiere da la zampata che porta in vantaggio i rossoblù. Il Brindisi cerca di reagire, ma non riesce ad avvicinarsi a Ciezkowski. Il Taranto non rallenta e trova anche la terza segnatura con Guastamacchia, che di testa, in mischia, anticipa il portiere brindisino. All’82’  Matute da fuori area per poco non va in gol, ma il suo rasoterra viene deviato da Pizzolato. Al 91’ Ciezkowski salva su Maglie, su tiro di  sinistro da pochi metri. Nei 5 minuti di recuperano niente da segnalare.  il Taranto vince e allunga in classifica.

A fine partita Giuseppe Laterza soddisfatto nella intervista rilasciata alla emittente Antenna Sud 85 così commenta la sintesi del risultato:

“Siamo stati bravi a cambiare in corsa modo di giocare. Volevamo all’inizio mantenere il nostro giro palla, però il campo in queste condizioni non ce l’ha permesso. Dopo l’intervallo abbiamo cominciato a giocare in maniera più fluida, ribaltando l’incontro. Ogni gara cambia e bisogna essere bravi a leggerla e ad adattarsi a essa. Onore ai giocatori che ci hanno creduto, un derby del genere va vinto. Primo posto? Sicuramente fa piacere, ma ora con il calendario che pian piano si sfoltisce il margine di errore si abbassa e dobbiamo farci trovare preparati e concentrati, alzare l’asticella. Sono tutte gare decisive, non si può più sbagliare”.

 

 

Condividi

Pierpaolo Piangiolino

Avvocato e grafologo giudiziario iscritto all'albo dei CTU e periti del Tribunale di Taranto. Calligrafo e Tecnico di Biologia Marina specializzato presso l’Università di Bari. Romanziere, vignettista e cruciverbista

Lascia un commento