Daniela Vestita (Italia in Comune): avviato a Grottaglie il progetto “Cucce per Randagi”

Condividi

«Ho  voluto avviare un progetto per offrire un rifugio ai randagi presenti nel mio quartiere – scrive Daniela Vestita –  ma anche per dare riparo a tutti gli amici a quattro zampe che vivono in strada, è un’ iniziativa mirata alla  realizzazione di cucce per i randagi in quanto la stagione invernale può essere pericolosa tanto quanto quella estiva: invece del rischio di essere abbandonati, quelli già randagi devono affrontare rigide temperature che li possono debilitare. Quindi  in qualità di associata di Italia  in Comune,  insieme al nostro gruppo,  installare nelle strade un cospicuo numero di cucce per cani randagi, il fine è quello di aiutare questi animali senza padrone ad avere un minimo di riparo durante la stagione fredda ma anche estiva, cercando di identificare le zone più più adatte per l’ installazione di queste cucce.
L’iniziativa si propone di dare un aiuto concreto ai cani che non hanno una casa, gli abitanti insieme ai volontari si sono messi all’opera in tanti modi costruendo con le loro mani dei ripari, lasciando in giro ciotole con cibo ed acqua, vaccinando e curando a proprie spese i cani addirittura istituendo la figura del ” cane di quartiere”.
La mia richiesta è stata  vagliata dal nostro segretario di Italia in Comune, già protocollata è portata all’attenzione del Sindaco e Vicesindaco, che prevede l’installazione di cucce/ripari e mangiatoie sulle aree pubbliche, avvalendosi, in un secondo momento della collaborazione delle associazioni animaliste presenti sul territorio. Sarà, poi, premura dei volontari di tenere le zone pulite, per una migliore gestione del progetto sarà necessario porre in essere successivamente un regolamento avvalendosi di norme specifiche.
Oltretutto l’iniziativa intende sensibilizzare la cittadinanza mettendo a frutto campagne di informazione sulla tutela degli animali d’affezione con lo scopo di evitare quanto più possibile atti di criminalizzazione generalizzata, verso chi si occupa di cani liberi che hanno trovato il loro habitat.
Alcune associazioni  grottagliesi hanno già manifestato il loro interesse a questo progetto.
La speranza – conclude Daniela Vestita – è che con questo gesto concreto si faccia un passo avanti verso i cani che vivono in strada per garantire loro  un benessere duraturo.»

Daniela Vestita
Socia Italia in Comune
 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento