Pulsano, Angelo Di Lena: criticità nell’organizzazione delle vaccinazioni

Condividi

Stiamo attraversando giornate critiche, dal punto di vista logistico ed organizzativo, per quanto riguarda la vaccinazione anti-Covid-19 a Pulsano. Presso il Poliambulatorio infatti, ci sono persone ultra ottantenni, in attesa del proprio turno per poter essere vaccinate che provengono da Taranto e paesi limitrofi .
Paradossalmente, quindi, avviene che molti cittadini di Pulsano, sotto gli ottanta anni, sono stati spediti a Grottaglie o altri paesi della provincia ionica e viceversa cittadini di Grottaglie e provincia a Pulsano per i vaccini.
“È quantomeno incomprensibile – scrive il consigliere comunale di Pulsano Angelo Di Lena – che si possa verificare una situazione simile. Purtroppo a pagarne le conseguenze sono gli anziani in lunghe attese come peraltro testimoniano le numerose foto pubblicate sui social”.
“Occorre – continua il consigliere – che venga messo in atto un progetto organizzativo più efficace che possa evitare assembramenti ed estenuanti file che mettono a dura prova anziani, disabili o soggetti fragili dal punto di vista sociale o sanitario e impedisca gli spostamenti da un paese all’altro.
Per tali motivi è mia intenzione presentare una mozione al Sindaco affinché vengano forniti elenchi dei cittadini con difficoltà a spostarsi.
Non ha senso far andare cittadini di Pulsano a vaccinarsi a Grottaglie e viceversa, o cittadini di Taranto che vengano a Pulsano ,specie in un momento come questo .
Serve inoltre individuare altri siti che possano fungere da hub vaccinali per smaltire le infinite prenotazioni soprattutto ora che la campagna vaccinale dovrebbe diventare più intensa dalle prossime settimane in modo da garantire sicurezza ai tanti cittadini e evitare alle tante famiglie di lavoratori che nelle prossime settimane dovranno vaccinarsi di spostarsi lontano in zona rossa.
Ho chiesto a tal proposito un intervento del sindaco – conclude Di Lena – affinché intervenga e convochi tutti i soggetti interessati, comprese le forze sociali, per affrontare e risolvere i problemi organizzativi e logistici delle aree destinate alle vaccinazioni, a tutela soprattutto della popolazione anziana e dei soggetti fragili”.

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento