Castronovi: «L’azienda si concentri sulla realtà in cui versano i suoi lavoratori piuttosto che sulle fiction»

Condividi

Pur avendo alle spalle una lunga esperienza sindacale nel siderurgico come Rls e rappresentante nel comitato aziendale europeo, non riesco a ricordare un episodio così grave.
ArcelorMittal riesce sempre a stupirci.
Mi riferisco alle contestazioni disciplinari ai danni di lavoratori di ArcelorMittal, rei di aver condiviso sui profili social personali post a favore della fiction di Canale 5 “Svegliati Amore mio!” in cui ci sono riferimenti ai danni che l’inquinamento di un impianto siderurgico può arrecare alla salute dei cittadini.
ArcelorMittal è riuscita a calpestare il sacrosanto diritto di ogni persona, lavoratore e non, a manifestare il proprio pensiero che è un diritto sancito dall’articolo 19 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo: “Ogni individuo ha il diritto alla libertà di opinione e di espressione, incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere”.
In più, la Costituzione italiana all’articolo 21 recita: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”.
In quel “tutti” ci sono anche i lavoratori di ArcelorMittal.
Questa amministrazione sarà al fianco dei lavoratori vessati appoggiando ogni iniziativa in loro difesa e invita l’azienda a concentrarsi sulla realtà in cui versano i suoi lavoratori, piuttosto che sulle fiction.
I vertici di ArcelorMittal pensassero piuttosto ad ascoltare i lavoratori e una città intera che da anni chiedono rispetto, pensassero piuttosto a non ricattare un paese intero intimando a Invitalia di procedere con l’accordo del 10 dicembre, sottoscrivendo e versando un aumento di capitale di euro 400 milioni di euro.
Colgo anche l’occasione di ricordare a Invitalia, e al commissario Arcuri dal quale oggi la mia direzione Ambiente ha ricevuto solo dinieghi, che è una agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, di proprietà del Ministero dell’Economia. Quindi dovrebbe tutelare l’economia italiana, non gli interessi della multinazionale franco-inglese ArcelorMittal.
Paolo Castronovi
Assessore all’Ambiente e alle Società Partecipate
Comune di Taranto
 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento