CON OPEN TOURISM UNA RISPOSTA ALLA CRISI DEL COMPARTO

Condividi

Il progetto riparte con una campagna di adesione al circuito. Puglia protagonista

Area Marina Protetta di Porto Cesareo (ph. S. Del Piano per Archivio Oraquadra)

Musei, parchi e aree protette, ma anche attività ricettive, enti e associazioni. È partita la campagna di iscrizione ad Open Tourism 2021, destinata ai tanti operatori pugliesi della provincia di Taranto e del Salento. Il comparto dell’accoglienza prova a superare la crisi legata al Covid e lo fa puntando su un turismo di qualità, sostenibile e sicuro. Grande fermento in queste ultime settimane per il rilancio di un settore strategico che deve immaginare il prossimo futuro.

Avetrana

 

Il progetto coinvolge l’Unione dei Comuni Terre del Mare e del Sole e cioè Avetrana, Fragagnano, Leporano, Pulsano, Maruggio, Lizzano e Torricella e l’Area Marina Protetta di Porto Cesareo. Realtà in rete con l’Unione dei Comuni delle Sorgenti del Biferno, l’Albania- attraverso il Comune di Fier- e il Montenegro con il Comune di Cetinje. Da qui l’invito ad aderire al circuito e diventare così ambasciatori di una promozione del territorio che nasce dalla partecipazione e dal desiderio di valorizzare la ricchezza dei luoghi di una regione straordinaria e variegata come la Puglia.

Lizzano

Intanto si è costituito il board di Open Tourism, un organo decisionale inteso come strumento di dialogo, ma anche di attivazione di processi strategici per la promozione di politiche, progetti e interventi turistici. Il coordinamento è affidato ad Alfredo Longo in qualità di Presidente Unione dei Comuni Terre del Mare e del Sole.

Pulsano

«L’adesione- spiega- rappresenta un’occasione di confronto e sinergia come risposta ad un’emergenza, partita nel 2020, che ha messo in ginocchio un comparto che ora scalda i motori per la ripartenza». Nello specifico, si punta ad un modello di accoglienza diffuso attraverso una cooperazione tra pubblico e privato, possibile grazie al progetto Interreg IPA CBC Italia-Albania-Montenegro.

«In questa estate- conclude- si potrà tornare a viaggiare, ma bisognerà farlo in sicurezza. E le imprese del settore, anche in Puglia, si fanno trovare pronte e vogliono fare la loro parte. Proprio Open Tourism può rappresentare una risposta in questa direzione grazie al sistema di accoglienza diffuso e alla visione del turista come cittadino temporaneo, in cerca di esperienze da vivere».

Maruggio

Il progetto, presentato due anni fa, è stato rimodulato rispetto alla pandemia in atto e si è dotato di moderni sistemi di promozione, sempre più digitali e interattivi. Gli operatori, infatti, avranno a disposizione strumenti promozionali, come mappe, video, e kit, ma anche un’app e un sito: è così che la rete transnazionale diventa occasione di maggiore competitività, finalizzata anche ad incentivare i flussi turistici tra Italia, Albania e Montenegro. Realtà che condividono storia, cultura e valori.

Leporano
Torricella
 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento