Il Taranto Calcio batte il Lavello e conquista una storica promozione in C

Condividi

LAVELLO-TARANTO 2-3
Lavello (4-3-3): 1 Carretta; 3 Dell’Orfanello, 4 Vitofrancesco, 18 Garcia, 17 Corna (70’ 23 Brunetti); 10 Herrera, 19 Giunta, 7 Longo; 14 Militano (70’ 25 Esposito), 9 Burzio, 77 Marotta (85’ 53 El Ouazni). A disp.: 99 Franetovic, 2 D’Italia, 8 Migliorini, 13 Barbara, 20 Tuttisanti, 70 Del Grosso. All.: Karel Zeman.
Taranto (4-3-3): 1 Ciezkowski; 2 Boccia, 6 Silvestri, 5 Rizzo G., 3 Ferrara; 8 Diaby (62’ 16 Santarpia), 4 Marsili, 10 Tissone; 7 Rizzo N., 9 Corado (58’ 20 Alfageme), 11 Versienti (59’ 18 Guaita). A disp.: 12 Sposito, 13 Shehu, 14 Gonzalez, 15 Matute, 17 Mastromonaco, 19 Diaz. All.: Laterza
Arbitro: Cristiano Ursini di Pescara
Marcatori: 17’ Dell’Orfanello (L), 33’ Corado (T), 43’ G. Rizzo (T), 58’ Dell’Orfanello (L), 83’ Santarpia (T)

 

E’ stata una partita sofferta, combattuta, aspra, come tutte quelle del Taranto di quest’anno, una bella partita e alla fine il Taranto ha vinto, come sempre, soffrendo, combattendo contro tutti e tutto ed, in particolare, il Picerno.  Una partita eroica quella del Taranto a Lavello che ci ha portato meritatamente in Serie C. Una continua altalena di emozioni, di capovolgimenti di fronte fino alla fine al Lorusso di Venosa. Per certi aspetti una partita iniziata male con il Lavello in vantaggio con Dell’Orfanello dopo poco più di un quarto d’ora. Poi la rimonta con Corado sempre nel primo tempo e il sorpasso con Rizzo. Nella ripresa ancora Lavello in vantaggio, ancora sofferenze per un errore di Silvestri, ma il Taranto continua a credere nella rimonta anche se appesantito sulle gambe e ottiene il gol vittoria con l’uomo della provvidenza, l’under Santarpia, sempre decisivo quest’anno e sempre pronto anche quando chiamato dalla panchina.

Ma vediamo la partita in sintesi. Nel primo tempo al 17’, il Lavello va in vantaggio con Dell’Orfanello, che, da centro area, spara un sinistro nell’angolino alto. Al 26’ ancora Lavello pericolosamente in attacco con Giunta che solo davanti al portiere tira a lato. Al 27’ Nicolas Rizzo, spara la palla a lato non di molto. Al 33’ il pareggio del Taranto: corner di Marsili e stacco di Corado, li dove Carretta non arriva. Al 38’ Versienti ci prova con un tiro, ma Carretta devia in angolo. Al 36’ ammonito Gianmarco Rizzo. Al 43’  il raddoppio del Taranto su corner di Marsili, Gianmarco Rizzo insacca di testa.

Nel secondo tempo  al 58’ il Lavello passa con Dell’Orfanello.  E’ un brutto colpo. Laterzaprova a scuotere i suoi e butta in campo Alfageme e Guaita per Corado e Versienti. Al 62’ esce anche Diaby claudicante ed enta Santarpia. Al 66’ Burzio, calcia alto un pericoloso pallone. Al 70’ entra anche Diaz nel Taranto al posto di Nicolas Rizzo, nel Lavello invece Militano e Corna escono al posto di Esposito e Brunetti. E’ la svolta della partita. Il Taranto ridisegnato da Laterza punge. All’82’ Santarpia, encomiabile come sempre centra per Diaz che gira, ma la palla è deviata in angolo. All’83’ il Taranto passa in vantaggio: cross di Boccia per la testa perfetta di un grandissimo Santarpia, che non lascia scampo a Caretta Il Lavello accusa il colpo, all’85’ esce Marotta, dentro El Ouazni. All’87’ viene ammonito Burzio. La partita finisce dopo un buon recupero di 5 minuti in cui il Taranto si difende bene e senza affanni. Il Taranto torna meritatamente in C.

 

 


Condividi

Pierpaolo Piangiolino

Avvocato e grafologo giudiziario iscritto all'albo dei CTU e periti del Tribunale di Taranto. Calligrafo e Tecnico di Biologia Marina specializzato presso l’Università di Bari. Romanziere, vignettista e cruciverbista

Lascia un commento