DI GREGORIO (PD): Stop del comitato via alla regionale 8  

Condividi

Nuovi ostacoli per la realizzazione della Regionale 8. Lo rende noto il consigliere regionale Vincenzo Di Gregorio (Pd). “Il Comitato VIA della Regione Puglia – continua – ha concluso l’esame della documentazione presentata dalla Provincia di Taranto. L’esito non è favorevole”.

 

“L’organo tecnico – spiega – pur riconoscendo la strategicità dell’opera come da Piano attuativo 2015 -2019 del PRT (Piano Regionale Trasporti),  ha formulato una serie di osservazioni e così conclude: Sarebbe auspicabile una revisione della soluzione progettuale che tenga in debito conto i rilievi sopra riportati al fine della compatibilità e sostenibilità ambientale dell’opera”.

 

“I rilievi effettuati sono di vario tipo e sono contenuti in una relazione di 26 pagine  – aggiunge Di Gregorio – le osservazioni tengono conto del quadro normativo di riferimento, delle perfomance in termini di miglioramento della sicurezza stradale, del consumo di territorio, della movimentazione di ingenti volumi di materiali, della tutela e conservazione degli ulivi, dell’impatto sulla biodiversità”.

 

Di Gregorio riporta un passaggio dell’esame del Comitato VIA concluso lo scorso 11 giugno 2021. “La soluzione proposta non risulta dare risposte efficaci alla riduzione della incidentalità, nonché soluzioni efficaci in termini di sostenibilità ambientale e paesaggistica e, a fronte delle scelte effettuate, comporta effetti significativi e negativi sull’ambiente, quali: occupazione di nuovo suolo, consumo di risorse naturali, apertura e sfruttamento di nuove cave (di prestito), interferenza con aree agricole e naturali, sottrazione di habitat”.

 

“Siamo ad un punto cruciale per la realizzazione della Regionale 8 – commenta Di Gregorio – è importante, però, che anche in una sede tecnica sia stata ribadita la strategicità dell’opera. Questa strada, infatti, è un asse viario importantissimo sia per decongestionare la viabilità esistente, sia come infrastruttura di supporto alle politiche di rilancio e sviluppo dell’area di Taranto e della provincia ionica”.

 

Di Gregorio avverte. “Le prescrizioni ed i rilievi effettuati non possono essere ignorati. Il quadro progettuale va rivisto e aggiornato tenendo conto delle indicazioni del Comitato regionale VIA. In questi mesi ho seguito da vicino il tormentato iter della Taranto-Avetrana. Grazie alla coesione dell’intero territorio ionico abbiamo ottenuto impegni sul rifinanziamento dell’opera ed è stato rimesso in moto l’iter autorizzativo. Con lo stesso spirito dobbiamo affrontare e superare le prescrizioni del Comitato Regionale VIA”.

 

Condividi

Pierpaolo Piangiolino

Avvocato e grafologo giudiziario iscritto all'albo dei CTU e periti del Tribunale di Taranto. Calligrafo e Tecnico di Biologia Marina specializzato presso l’Università di Bari. Romanziere, vignettista e cruciverbista

Lascia un commento