Ospedale Covid, Fratelli d’Italia: l’emergenza è servita a salvare la Fiera del Levante o i pugliesi?

Condividi

“Siamo certi che la risposta non l’avremo mai, così come non l’abbiamo avuta per i tanti quesiti sull’improvvisata opera che Michele Emiliano oggi vuole conservare come Ospedale per le maxi emergenze del Mediterraneo e su tutto ciò che ha realizzato in quest’anno di pandemia, di cui abbiamo chiesto conto senza ricevere riscontro.

“Sin dall’inizio noi di Fratelli d’Italia abbiamo avuto dubbi sull’opportunità dell’Ospedale in Fiera poiché sarebbe stato più semplice potenziare le strutture ospedaliere già esistenti, semplicemente aumentandone i posti letto di pochissime unità.

“È uno spreco di soldi pubblici che tutti i cittadini pugliesi dovranno pagare, a cui si aggiunge il teatrino politico tra il presidente Emiliano ed il sindaco di Bari Antonio Decaro, e ci chiediamo se sarà questo il tema che terrà in ostaggio la macchina amministrativa della Regione Puglia nei prossimi mesi o anni: decidere il destino della Fiera per colmare le falle del sistema fieristico pugliese. E chissà che la Corte dei Conti – per quanto non tenuta a supervisionare gli atti prodotti in situazioni di emergenza – non decida, invece, di voler vederci chiaro una volta per tutte. A tal riguardo, noi siamo disponibili ad essere ascoltati.

“Smantellato o meno, l’Ospedale in Fiera sarà costato più di quanto previsto inizialmente (l’eventuale smantellamento costerebbe ulteriori 4 milioni di euro) e avrà fatto parte di un palcoscenico mediatico del presidente Emiliano che, in piena seconda ondata, ha fatto sfilare in quegli spazi i suoi ‘testimonial’, da artisti internazionali a politici.

“Una vergogna a cui non vogliamo assuefarci.”





 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento