PESCA, CASSESE (M5S): APPROVATO TESTO UNICO COMPARTO ITTICO. PASSO DECISIVO PER RILANCIO DI SETTORE STRATEGICO

Condividi

ROMA – “Con l’approvazione oggi in Aula del testo unico per il riordino del settore ittico abbiamo compiuto un passo decisivo per dare finalmente sul piano normativo quelle risposte che il comparto della pesca chiede da molto tempo. Un comparto – strategico per l’economia del Paese – che merita di avere gli strumenti per nuove opportunità di crescita e per uscire dalle difficoltà in cui versa da anni, che si sono aggravate con l’emergenza epidemiologica. Ora il provvedimento andrà al vaglio del Senato dove speriamo venga convertito rapidamente in legge.” Queste le parole di soddisfazione del deputato Gianpaolo Cassese, componente della Commissione Agricoltura, dopo la votazione a Montecitorio del testo unificato delle proposte di legge: Interventi per il settore ittico e in materia di politiche sociali nel settore della pesca professionale. Delega al Governo per il riordino e la semplificazione normativa nel medesimo settore.

 “Senza l’impegno costante e le competenze del collega Giuseppe L’Abbate, primo firmatario del corposo provvedimento, non avremmo ottenuto questo importante risultato, frutto di un lavoro di squadra in Commissione lungo e complesso data la complessità della materia, e di una capacità di ascolto che ci ha portato ad un testo condiviso tra le diverse forze politiche” aggiunge Cassese.

“Incentivare una gestione razionale e sostenibile, incrementare le risorse ittiche, sostenere le attività della pesca marittima professionale e dell’acquacoltura, assicurare un efficace sistema di relazioni tra lo Stato e le regioni, garantire la piena coesione delle politiche in materia di pesca e di acquacoltura: questi gli obiettivi del testo, con interventi mirati sia per quanto riguarda il riordino e la semplificazione, sia in ambito di politica sociale.  Dalle agevolazioni all’accesso ai finanziamenti, all’istituzione   del Fondo per lo sviluppo della filiera ittica che servirà a finanziare tutta una serie di attività necessarie allo sviluppo del settore – promozione, ricerca scientifica, sicurezza sui luoghi di lavoro, salute del personale imbarcato, creazione di marchi, ed altro -. Prevediamo inoltre misure previdenziali e a tutela dei lavoratori del comparto di sostegno al reddito – prosegue – per garantire stabilità occupazionale e per maggiori garanzie e protezioni.”

“Mi fa piacere aver dato un diretto contributo attraverso alcuni miei emendamenti accolti in Commissione e che sono presenti nel provvedimento, tra cui l’introduzione di misure di trasparenza per i prodotti ittici, fino ad oggi inesistenti nel settore dell’HORECA. Significa che gli esercenti hotel, ristoranti, trattorie, pizzerie, bar e simili, potranno fornire al consumatore una informazione completa e trasparente sui prodotti della pesca e dell’acquacoltura distribuiti e somministrati, in coerenza con la normativa comunitaria.”

“La misura più importante e più attesa dal comparto, introdotta grazie a un mio emendamento, riguarda l’introduzione dei criteri per il riparto dell’incremento annuale della quota di tonno rosso assegnata all’Italia, come a tutti gli stati membri interessati, dalle istituzioni europee. Una misura che intende valorizzare il contemperamento del principio della stabilità relativa, che sta alla base del riparto della quota “fissa”, con quello di equità, nell’intento sia di aumentare l’entità della quota indivisa che di coinvolgere anche i pescatori senza quota in progetti virtuosi sulla risorsa tonno rosso. È infatti prevista una primalità, consistente nella attribuzione di un quantitativo di quota, da determinarsi ad opera del MIPAAF, anno dopo anno, per azioni progettuali che intendano creare una filiera tutta italiana del tonno rosso. Questa prospettiva è particolarmente importante – aggiunge il deputato –  se si pensa che oggi la quasi totalità della risorsa pescata dagli operatori italiani viene esportata e dunque sottratta al mercato interno anche sotto il profilo della produzione di qualità e della valorizzazione del made in Italy.”

“Questa, così come le altre numerose misure previste, che possono rappresentare anche un volano dal punto di vista occupazionale, daranno sicuramente più forza al comparto della pesca aiutandolo ad uscire dalle difficoltà e a rilanciarsi come merita” conclude Cassese.

On . Gianpaolo Cassese (M5S)


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento