Il Buongiorno di Pina Colitta. Una buona educazione

Condividi

Il buongiorno di oggi con la poesia, e sarà lei a dire per me nella riflessione che ha per oggetto la parola allevamento dal latino “ad”, verso e “levare”, alzare… Se allevare significa fare crescere un bambino attraverso tutte le cure necessarie per un completo sviluppo, sicuramente il criterio deve essere, pertanto, la cura, ma senza cadere nell’ipercura o incuria o discuria o altri atteggiamenti patogeni o patologici.

Allevare significa anche applicare quella che si definisce “pedagogia verticale”, cioè far “ricuperare le cime” ai figli secondo il pedagogista Pino Pellegrino, allenarli ai valori. Allevare vuol dire anche accudire, dare assistenza, innanzitutto morale, sì, quell’assistenza che viene a mancare più spesso.

 

Educazione

Andrea, poverino, è cresciuto gracile:

ogni inverno imbacuccato,

magliette felpe maglioni cappucci e guanti di lana

contro spirilli bacilli e vibrioni.

Gli prendeva, però, puntualmente,

la febbre da orecchioni, tonsille, infreddature:

sua madre maestra alla Marconi.

Gaetana bigotta e puritana, da ragazza

sempre in Chiesa,

gonne lunghe alle caviglie

calze nere, mocassini e colletti all’ educanda

contro sguardi dissoluti,

istruita dai richiami sbrodoloni

di sua madre maestra alle materne:

ciò malgrado ella è lasciva!

Anche Mimmo e Margherita

sono stati rimpinzati di nozioni

e principi informati al Pestalozzi

dalla madre maestrina alla Deledda…

Risultato: ignavi ed infingardi.

E Nella? Un’ arrivista che anela ai facili guadagni,

ed ha appena 12 anni e sua madre è maestra di borgata.

Mia madre, donna d’altri tempi,

m’ha trasmesso come lei l’ha recepita

la quintessenza della vita fatta di valori universali,

di sostanza senza orpelli,

di distacco dagli Dei bugiardi ed empi

e di spontaneo amore:

manco fosse stata Montessori!

Michele A. Pastore, “Educazione”, da Cieli di Vetro, ed. AGA, 2015

 

 

Condividi

Lascia un commento