Arte visiva, fuori all’aperto, nella Città di Taranto

Condividi

Bonus Mecenate

Partiranno nei prossimi giorni, dopo il rinvio dovuto alle difficoltà di spostamento degli artisti a causa del Covid, le installazioni dei progetti vincitori del Bonus Mecenate, la call lanciata dal Comune di Taranto al termine del primo lockdown e rivolta a giovani artisti di età compresa tra i 18 e i 35 anni per la presentazione di progetti sul tema fondamentale della Transizione della città di Taranto.

Le opere vincitrici del bando sono risultate le seguenti:

1.  L’eco di una scia di Dafne Frasca: installazione foto su pannelli in pvc Forex con effetto scia, presso la ringhiera della Città Vecchia – fine luglio;

2. Panni stesi di Francesca Gemmino: riproduzione di panni stesi presso la Rotonda del Lungomare – agosto;

3. La torre dell’impossibile di APS Ammostro: realizzazione di una torre verde come segno di sensibilizzazione verso le tematiche ambientali, in zona Porta Napoli – agosto;

4. Ecosistemi poetici di Laura Natalia Pulido Granada: creazione di sculture in plastica per prima infanzia presso i Giardini Virgilio – agosto;

5. Ambienti di Eleonora Gugliotta: installazione con fili di lana multicolore presso l’ex chiesa di San Paolo in via Pentite (Città Vecchia) – settembre;

6. Giardinella di Giulia Pozzi (Fabulism): installazione di giardini, odori e colori presso il quartiere Salinella – settembre;

7. Teatro Clorofilla di Giuseppe Formiglio: realizzazione di un piccolo teatro all’aperto all’interno del quartiere Paolo VI – settembre;

«Finalmente, dopo tanta attesa, possiamo dare spazio a questi artisti per la realizzazione delle loro opere – ha dichiarato l’Assessore alla Cultura Fabiano Marti -. Si inizierà già nella seconda metà di luglio con la prima installazione e si concluderà a settembre. Questo progetto è nato dopo il promo terribile lockdown su forte spinta del sindaco Rinaldo Melucci, che pensò, in questo modo, di dare spazio ai giovani artisti in un periodo complicatissimo. Renderemo noti volta per volta opere, luoghi e tempi di permanenza delle installazioni per permettere a chiunque voglia di poterle vedere».

 


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento