PRIMO PIANOSanità

Salvatore Fuggiano, chi dobbiamo ringraziare per l’ennesima crisi sanitaria a Taranto?

Condividi

Una mancanza di programmazione alla base del mancato turnover tra i medici

Al di là dell’aspetto politico, le criticità al pronto soccorso dell’ospedale Ss. Annunziata denunciate dall’Ordine dei medici e dai sindacati di categoria costituiscono un vero pugno nello stomaco. Perché ai cittadini viene negato il sacrosanto diritto alla salute e a cure tempestive; e perché il personale sanitario viene costretto a un inaccettabile sovraccarico di lavoro. Detto questo però, è evidente il fallimento della politica sanitaria con cui la Regione continua a penalizzare i pugliesi (e Taranto con la sua provincia in particolare), anche attraverso scelte sbagliate dei manager locali. Se è vero infatti che la disponibilità sempre più ridotta di medici è addebitabile in parte alla scellerata politica del “numero chiuso” nelle facoltà di medicina, è vero anche che una sana programmazione avrebbe dovuto affrontare preventivamente e adeguatamente gli effetti dei tanti pensionamenti di medici. Niente turnover, insomma, e il pronto soccorso si ritrova sotto organico, così come mancano i medici di famiglia. Ci auguriamo che la situazione possa essere risolta in tempi brevi. Ma intanto ci chiediamo: chi dobbiamo “ringraziare” per questo ennesimo scandalo della sanità pugliese?

Salvatore Fuggiano,
del movimento politico “Cambiamo”

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare."Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento