Numeri record per le idrovie di Kyma Mobilità

Condividi

I tarantini e i turisti dimostrano di apprezzare sempre più il servizio di idrovie gestito da Kyma Mobilità con le motonavi Adria e Clodia.
Nel mese di giugno, infatti, il sevizio giornaliero di collegamento con l’isola di San Pietro ha registrato un +44% di passeggeri rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, mentre le escursioni turistiche serali un +36% di passeggeri.
Partendo sempre da piazzale Democrate, ogni giorno le motonavi di Kyma Mobilità collegano la città con l’isola di San Pietro, dove i passeggeri hanno la straordinaria possibilità di trascorrere una giornata nello stabilimento della Marina Militare, mentre nelle serate viene proposta, non tutti i giorni, un’escursione turistica che, con la coinvolgente narrazione di una guida turistica a bordo, permette di ammirare dal mare Taranto navigando nel Mar Piccolo e nel Mar Grande (info e prenotazioni sul sito www.amat.taranto.it o tramite l’app Kyma Amat).
«Anche quest’anno – ha commentato il sindaco Rinaldo Melucci – i cittadini e i turisti continuano a premiare il servizio e la professionalità degli equipaggi delle due motonavi di Kyma Mobilità: la possibilità di godere, in piena sicurezza, del nostro mare e dei meravigliosi scorci della nostra città».
«L’amministrazione Melucci – ha poi detto Paolo Castronovi, assessore alle Società Partecipate – ha puntato sul recupero e la valorizzazione del rapporto con il mare, un asset strategico del nuovo modello di sviluppo economico e sociale della città, quel programma “Ecosistema Taranto” che sta finalmente cambiando in meglio la nostra comunità e la sua percezione in tutta la nazione: la strada è ancora lunga, ma la direzione è quella giusta».

 


Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento