Scuola: la DAD di Emiliano distrugge alunni ed istruzione. Si garantisca il rientro in sicurezza

Condividi

La dichiarazione dei sei consiglieri regionali di Fratelli d’Italia (Luigi Caroli, Giannicola De Leonardis, Antonio Gabellone, Renato Perrini, Francesco Ventola e il capogruppo Ignazio Zullo)

“L’istruzione in Puglia è tra le peggiori. A certificarlo sono i test Invalsi, a causarlo la didattica a distanza nel periodo pandemico. Su questo noi di Fratelli d’Italia abbiamo fatto la voce grossa da subito, chiedendo il ritorno a scuola per garantire il diritto all’istruzione, di concentrare le forze nell’individuazione di una soluzione che salvaguardasse salute e studio, ma siamo rimasti inascoltati. Oggi siamo di fronte non solo ad un deficit di istruzione ma ad un allarme sociale e culturale per il futuro. Allora chiediamo direttamente al presidente Michele Emiliano -la Giovanna D’Arco della dad– in che modo sta sfruttando questi mesi per garantire il ritorno in aula degli studenti pugliesi: cosa si sta facendo in tema di trasporti? In che modo si stanno evitando le aule pollaio? È in programma un’azione di tamponamento e tracciamento scolastico? Vantarsi del risultato della vaccinazione in Puglia -senza contare che questa è stata bloccata per giovani al di sotto dei 30 anni, e che una larga fascia del personale scolastico non ha voluto vaccinarsi- non sarà sufficiente: la variante Delta incombe e viaggia soprattutto attraverso i giovani. È necessario intervenire ora perché il ritorno a scuola è dietro l’angolo. Suoniamo la campanella ad Emiliano, sperando ci rassicuri nei nostri dubbi e che consenta ai nostri ragazzi di ritornare a scuola ad istruirsi.”

 

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento