Carenza medici al Pronto Soccorso Taranto, Mozione di Stellato: “Immissioni urgenti con nuove assunzioni, concorso e borse di studio”

Condividi

“Rispondere alla grave  carenza di personale al Pronto soccorso di Taranto con una immissione urgente di risorse umane autorizzando  nuove assunzioni di medici a tempo determinato, velocizzando l’iter  del concorso pubblico in corso e, infine,  finanziando borse di studio per la specializzazione in medicina d’urgenza da svolgere nei presìdi di Taranto” .
È, in estrema sintesi, il contenuto della mozione sull’emergenza di personale medico nei servizi di pronto soccorso di Taranto e provincia,  presentata da Massimiliano Stellato, consigliere regionale e capogruppo dei Popolari.
L’atto, inviato al Presidente del consiglio  regionale, arriva a valle delle richieste giunte  nel confronto con l’ordine dei medici e del sopralluogo presso il pronto soccorso dell’ospedale “Ss Annunziata”.
Con la mozione depositata alla presidente Capone, Stellato chiede al consiglio regionale di impegnare il Presidente Emiliano e la sua giunta – si legge – ad “autorizzare la Asl di Taranto ad assumere ulteriore personale medico a tempo determinato per fare fronte, nell’immediato, alla carenza di medici presso il Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero “SS. Annunziata” e presso gli altri servizi di Pronto Soccorso della Provincia di Taranto”.
Non solo, in merito alla selezione di nuovo personale, Stellato avanza l’impegno ad
“accelerare i tempi di espletamento del concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di quarantacinque posti di dirigente medico, disciplina di medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza, a tempo indeterminato”.
Infine, l’investimento sulle nuove leve. Per questo,  Stellato chiede di  “finanziare borse di studio relative alla specializzazione in Medicina d’Urgenza – Emergenza riservate a personale a tempo determinato, in servizio da almeno un anno, anche con contratto co.co.co. presso un Pronto Soccorso della provincia di Taranto con la previsione, fatte salve le ore di formazione teorica, della formazione pratica presso il Pronto Soccorso di riferimento”.
“Atti di impegno politico, conclude Stellato, per rispondere alla grave crisi di personale in cui versa il presidio di pronto soccorso dell’ospedale di Taranto e che si riversa sui cittadini, esasperati dalle lunghe attese e dal sovraffollamento.”


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento