Approvato dal Consiglio comunale il Piano per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche (P.E.B.A.), annuncio palesemente ipocrita

Condividi

L’enfasi con cui il Sindaco lo ha annunciato appare ipocrita e fuori luogo per le motivazioni che il capogruppo di GROTTAGLIE DOMANI ha esplicitato in sede di discussione del provvedimento in Consiglio comunale e che proviamo ad illustrare.
È stato il cavallo di battaglia di Ciro D’Alò quando era all’opposizione, era inserito nel suo programma elettorale e, una volta eletto Sindaco, diventava la priorità delle Linee programmatiche approvate dal Consiglio comunale.
Ma ci sono voluti 5 anni e mezzo per farlo approvare dal Consiglio comunale. Un imperdonabile ritardo non dovuto alla carenza di risorse economiche dal momento che, per la redazione del Piano, sono stati sufficienti 12.500,00 euro.
Ora il Comune ha a disposizione uno strumento necessario per accedere ad appositi bandi per reperire i finanziamenti che consentiranno di avviare gli adeguamenti per realizzare le opere previste nel Piano.
Ma si parte con il piede sbagliato perché, come abbiamo più volte denunciato in Consiglio comunale, a Grottaglie non c’è il dovuto rispetto per gli “utenti vulnerabili” quali persone con disabilità e pedoni. Infatti le strisce pedonali sono praticamente inesistenti, i scivoli per disabili sono frequentemente occupati da automobilisti indisciplinati.
Per non parlare di alcune discutibili scelte dell’amministrazione perché le barriere le hanno favorito, invece di abbatterle. È quanto accaduto, per esempio, in Piazza UNICEF al solo scopo di trasformare un sito per camion da paninaro in un gazebo compiendo atti discutibili come si può evincere dalle due foto allegate (Prima e Dopo).
Infatti, prima ha modificato il progetto della piazza, in cui erano in corso i lavori di sistemazione, riducendo le aiuole ed eliminando gli alberi e le siepi previste (delibera di Giunta Municipale n. 380 del 29/09/2016). Poi ha eliminato l’obbligo di spostamento giornaliero del camion modificando addirittura il Regolamento del Commercio su aree pubbliche (art. 41) con delibera del Consiglio comunale n.47 del 23/07/2018 approvata da una maggioranza silente ed ossequiosa dei voleri dell’esecutivo. In sostanza sono stati resi inefficaci due rampe per disabili per accedere alla piazza del quale il redattore del PEBA non ne fa minimo cenno.
È arrivato il tempo di mettere fine ad un uso privatistico delle istituzioni e l’occasione sono le imminenti elezioni amministrative mandando a casa una Giunta di faccendieri.


Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento