Il falso sussulto del Sindaco (dormiente) D’Alò sul San Marco, per fini squisitamente elettorali

Condividi

Tutto ebbe inizio per fini elettorali, con “L’ospedale non si tocca…l’ospedale non si tocca”, tutto si sta concludendo, vergognosamente, per fini squisitamente elettorali.
Nel mezzo un silenzio durato 5 anni, nonostante le continue richieste e istanze del Partito Democratico, del Comitato per l’Ospedale San Marco e, ad onor del vero, anche di altri partiti di opposizione.
Volantinaggi, banchetti in piazza, incontri presso il nostro ex Ospedale, incontri nella nostra sede con la presenza del Sindaco e dei responsabili Asl, ma niente, l’Amministrazione è stata sempre silente, nessuna proposta, nulla, mentre il nostro Ospedale veniva depotenziato giorno dopo giorno.
Ci hanno detto: ma voi del PD governate in Regione, quindi potevate incidere, dovevate incidere sulle scelte.
Risposta: il PD di Grottaglie finché ha governato è riuscito a difendere l’Ospedale San Marco, tutelando la maggior parte dei servizi offerti.
Una volta arrivati al governo della città i nuovi amministratori, a dispetto delle promesse fatte in campagna elettorale, sono stati inerti, silenti e soprattutto accondiscendenti verso tutto ciò che dall’alto è stato loro indicato dal potere costituito.
Un Sindaco così “tappetino” sul tema Ospedale San Marco, la nostra Città non lo aveva mai avuto.
Ora, a meno di due mesi dalle Elezioni Amministrative, e dopo più di 5 mesi dalla richiesta di convocazione di un Consiglio comunale monotematico, finalmente il Consiglio è stato convocato, con il risultato di approvare un ordine del giorno proposto dalla Coalizione Grottaglie Domani-un’altra Storia, in cui sostanzialmente si fa propria buona parte delle proposte che il Partito Democratico e il Comitato per l’Ospedale San Marco hanno proposto senza avere mai risposta in questi anni.
Certamente l’ordine del giorno approvato va nella direzione giusta anche se a nostro avviso è da integrare.
Le domande a questo punto nascono spontanee: perché il Sindaco D’Alò non ha voluto prendere posizione sul nostro Nosocomio in questi anni e lo fa solo ora in campagna elettorale? Se ci avessero ascoltato negli anni scorsi, oggi avremmo sicuramente una struttura sanitaria diversa e certamente con tanti servizi in più, perché l’amministrazione D’Alò è stata inerte e silente?
Noi del Partito Democratico con alcuni medici di famiglia, il Consigliere regionale Vincenzo Di Gregorio, il Comitato per l’Ospedale San Marco, il Direttore e i responsabili Asl, stiamo portando avanti da qualche mese la procedura per l’istituzione dellOspedale di comunità.
La proposta dei medici di famiglia è stata già depositata e sta andando avanti.
Non doveva essere il Sindaco, come massima carica sanitaria della nostra Città, a fare ciò che stanno facendo partiti e movimenti che neppure sono in Consiglio Comunale?
L’Amministrazione ha dormito volutamente e lo devono sapere tutti.
Giù le mani dalla salute dei grottagliesi, perché non può essere strumento della vostra campagna elettorale dopo 5 anni di vergognoso silenzio.
Noi lo avevamo capito.
È arrivato il tempo che anche i grottagliesi lo sappiano.

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento