“Sud in Movimento”: abbiamo ereditato una Città abbandonata! “Grottaglie Domani”: avete ereditato anche i 3 ex assessori di Alabrese che state candidando

Condividi

Per la Rubrica “Io sono io e voi non siete un ca…” sui social “Grottaglie Domani” replica così all’articolo della lista di D’Alò:

L’essenza del nostro movimento non è cambiata nel corso di questi 5 anni, anzi siamo riusciti ad assorbire bene tutte le difficoltà iniziali legate all’aver ereditato una città abbandonata a se stessa e che nel silenzio degli anni si era cotta nella sua solitudine; situazione ideale, ad esempio, per approfittare di essa e magari fare affari con i signori dei rifiuti “.
Questo è un passo del comunicato stampa rilasciato da Sud in Movimento subito dopo la presentazione di Grottaglie Next, coalizione a sostegno del sindaco D’Alò.
L’accusa è chiara: c’è stata gente, della passata Amministrazione Alabrese, che è venuta meno sia ai doveri istituzionali che di cittadino; si sono arricchiti in modo illecito.
Qualcuno ricordi a Sud in Movimento che, a sostegno del sindaco D’Alò, ci sono tre ex assessori, di cui uno ex assessore all’Ambiente, della giunta Alabrese.
La circostanza impone che si presentino formali scuse e che qualcuno le pretenda.
Altrimenti siamo in presenza di un palese caso di Sindrome di Stoccolma; il soggetto affetto dalla sindrome prova un sentimento positivo nei confronti del proprio aggressore che può spingersi fino all’amore e alla totale sottomissione volontaria, instaurando in questo modo una sorta di alleanza e solidarietà tra vittima e carnefice, e questo non riguarda solo gli ex assessori della giunta Alabrese.
Siamo rispettosi delle scelte di campo che ogni grottagliese farà ( con o senza candidatura ) ma non possiamo assolutamente accettare che si continui con questo di clima di sospetti, insinuazioni e sussurri; non possiamo più tollerare che il Partito Democratico di Grottaglie sia la causa di tutti i mali.
Il confronto adesso è “ sul fare “ prossimo venturo; gli ultimi 5 anni sono stati gestiti dalla giunta D’Alò che dovrà rispondere per quello che ha fatto e anche per quello che non ha fatto e non il “ non è stata colpa nostra è una situazione che abbiamo ereditato “ non può essere più usata.
 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento