OLTRELIRICA 2021 Emiliano Toso – «Guarigione e Rinascita» il 22 agosto a Grottaglie

Condividi

Una speciale conferenza-concerto per fondere biologia, musica e filosofia. In un approccio integrato tra scienza e arte

GROTTAGLIE (Ta) – Una speciale conferenza-concerto per riflettere ad ampio raggio sugli accadimenti odierni. Ragionando di musica, biologia, filosofia e molto altro ancora. Se ne occuperà, in uno degli eventi speciali, dell’edizione 2021 del Festival OltreliricaEmiliano Toso, biologo cellulare, musicista, filosofo e compositore che fonde, nella sua attività, un approccio integrato tra scienza e arte. L’appuntamento si svolgerà domenica 22 agosto, alle 19,30, alle Cave di Fantiano di Grottaglie (via XXV luglio, Contrada Fantiano).

«Guarigione e rinascita» sarà il titolo della conferenza concerto che Toso terrà in Puglia, argomenti che in controluce permettono di indagare la natura più intima dell’essere umano. I biglietti per assistere all’evento sono in prevendita on line su liveticket.it (intero 25 euro, ridotto 20 euro per disabili, under 18 e over 65, infotel: 328.456.17.60). In vendita anche all’Info Point Turistico, all’interno del Castello Episcopio di Grottaglie (Largo Maria Immacolata, infotel:27) e a Monopoli nell’agenzia Solanda Tours & Mice (via Portavecchia 14, info su solanda.it/esperienze/arte-cultura-e-spettacolo/cave-di-fantiano).

 

Con questo ultimo evento il Festival Oltre Lirica 2021, organizzato dall’associazione «Angeli Eventi» (presieduta da Angela Cuoccio e Gianni Leccese), vuole dare un contributo fondamentale alla riflessione posta al centro di un’edizione così simbolica come quella di quest’anno, alla luce degli accadimenti che stanno riguardando tutto il pianeta. Emiliano Toso è dottore in Biologia Umana all’Università di Torino, con specializzazione in basi molecolari e cellulari. Ha intrapreso un’importante carriera scientifica che lo ha condotto a lavorare per 16 anni come «Associate Director», responsabile del gruppo di Biologia Molecolare nell’azienda Merck-Serono, nel set up di metodi approvati da FDA ed EMA. Accanto a questa sua ricerca scientifica, ha coltivato contestualmente una profonda ricerca di crescita personale, e la sua passione per la musica e per la composizione.

Emiliano Toso

Alla fascinazione e agli studiati metodi di ricerca di Toso il compito di legare tra loro biologia, epigenetica, arte e musica. Discipline grazie alle quali è nato nel 2013 la sua «Translational Music» (dal nome del suo primo album omonimo), «la modalità – spiega il biologo e musicista piemontese -, per tradurre emozioni vissute a livello profondo cellulare, in un piano più alto, quella della musica».

 

Questo disco, che inizialmente doveva essere un regalo fatto a sé stesso, ha iniziato a diffondersi sempre più, divenendo un vero e proprio progetto di integrazione tra biologia e musica a 432Hz. Supportato ed affiancato dal biologo cellulare Bruce Lipton, dal 2013 in poi Toso è stato invitato in tutto il mondo come relatore a conferenze, per tenere concerti che integrano scienza e musica. La sua attività di biologo, musicista e compositore lo ha portato negli anni a viaggiare in Italia e all’Estero, coinvolgendo ogni anno migliaia di persone; e aprendo convegni di personaggi di spicco internazionale quali Lipton, Daniel Lumera, Gregg Braden, Donald Walsch, Franco Berrino, Deepak Chopra, Daniela Lucangeli, Carlo Ventura, Beatrice Carbone (ballerina solista al Teatro della Scala) e molti altri. Traducendo le vibrazioni universali e favorendo il benessere fisico ed emozionale, le sue composizioni sono utilizzate in centri olistici, in laboratori di ricerca scientifica quali l’istituto Marques di Barcellona, ed ospedali come il San Raffaele di Milano, il Bambin Gesù, il San Camillo ed il Gemelli di Roma.

«Translational Music» è la modalità per tradurre emozioni vissute a livello profondo, cellulare, in un piano più alto, quella della musica. Grazie alla risonanza, queste vibrazioni si diffondono in modo più veloce, universale e naturale fino a raggiungere altre cellule, altre persone, l’umanità intera; donando benessere e migliorando la cooperazione per riavvicinare noi stessi alla nostra anima. Presente in scuole ed ospedali di tutto il mondo come integrazione ad attività didattiche e terapeutiche (come nascita, chirurgia, oncologia, psichiatria, malattie neurodegenerative) «Translational Music» viene utilizzata da migliaia di persone per promuovere benessere, salute e creatività.

La sua musica non ha l’usuale frequenza riconosciuta globalmente (440 Hz), ma una frequenza più bassa: 432 Hz. Questa, secondo Toso, si avvicina maggiormente a quella dei suoni biologici delle nostre cellule, permettendo così un maggiore rilassamento, stimolando la creatività, allentando lo stress, favorendo il sonno e distendendo le aree di accumulo della tensione nel nostro corpo. Le sue composizioni si trovano facilmente sui maggiori canali di musica in streaming quali Spotify Music, Apple Music e Amazon Music ed anche sul canale YouTube dello stesso Toso. Ulteriori informazioni sulla sua arte ed attività sono sul sito www.emilianotoso.com

Emiliano Toso
 

Condividi

Sabrina Del Piano

Archeologa preistorica, dottore di ricerca in geomorfologia e dinamica ambientale, esperta in analisi dei paesaggi. Operatore culturale, ideatrice di eventi culturali, editoriali ed artistici. Expert in prehistoric archaeology, geomorphology and landscapes analysis. Cultural operator and art events organizer

Lascia un commento