ANAAO – Assomed scrive a Lopalco e al

Condividi

Direttore Dipartimento della Salute Regione Puglia Dr V. Montanaro, al Direttore Generale ASL Taranto Avv. Stefano Rossi, al Direttore Sanitario ASL Taranto Dott. Vito Gregorio Colacicco, al Direttore Amministrativo ASL Taranto Dott. Andrea Chiari,  al Direttore UOC Risorse Umane ASL Taranto Avv. ssa Loredana Carulli e p/c  Organizzazioni Sindacali Dirigenza  Organi di Stampa

Relazioni sindacali ai sensi del CCNL Dirigenza Sanitaria

Si prende atto che il 12 agosto si è tenuto un incontro tra la Direzione Strategica dell’ASL di Taranto e l’O.S. CISL-fp, inerente la problematica causata dalla carenza di medici in servizio presso i Pronto Soccorso dell’Azienda, concluso con un accordo e una dichiarazione d’appoggio all’attività Aziendale, tanto irrituali quanto sospetti, firmato da rappresentanti sindacali di una delle sigle minoritarie.

Tale incontro, che ha escluso tutte le altre Organizzazioni Sindacali, in special modo quella maggiormente rappresentativa che è l’ANAAO-Assomed, evidenzia il modus operandi dell’avv. Stefano Rossi che persiste in quella che può tranquillamente essere definita la sua azione antisindacale.

Tutti gli anni del suo mandato sembrano essere caratterizzati da un comune leitmotiv che è la ricerca dell’appoggio di sigle compiacenti, anche se rappresentative di una quota minima di lavoratori, escludendo quelle che “danno fastidio” e i cui rappresentati vengono fatti oggetto anche di azioni che potrebbero essere definite ai limiti, se non al di fuori, della legalità come la richiesta multipla, da parte del Direttore Generale, di procedimenti disciplinari che si rivelano poi insussistenti.

Si ricorda al Direttore Generale, qualora fosse necessario, che “Il sistema delle relazioni sindacali è lo strumento per costruire relazioni stabili tra amministrazioni pubbliche e soggetti sindacali, improntate alla partecipazione consapevole, al dialogo costruttivo e trasparente, alla reciproca considerazione dei rispettivi diritti ed obblighi, nonché alla prevenzione e risoluzione dei conflitti”.

Questo prevede il contratto e questa è la base di un corretto rapporto sindacale che viene sempre disatteso dal Direttore Generale il quale ha dimostrato l’incapacità di trattenere rapporti sindacalmente corretti con le Organizzazioni maggiormente rappresentative che sicuramente sono impegnate a tutelare non i propri interessi o a gestire l’attribuzione ai propri sindacalisti di posti di prestigio e remunerativi ma a difendere i diritti dei lavoratori iscritti e non.

In questa ottica si preannuncia il ricorso agli Organi Competenti per violazione delle corrette relazioni sindacali relativamente a questo e a numerosissimi episodi precedenti, modalità sospesa unicamente in considerazione della prossima scadenza del mandato del Direttore Generale, e alle Competenti Autorità Giudiziaria affinché sia verificata la correttezza delle procedure di attribuzione degli ultimi incarichi e di quelli provvisori, ormai da anni, nonché la corretta applicazione non solo del Contratto di Lavoro ma anche delle Leggi dello Stato.

Stigmatizzando l’ennesimo episodio di “personale interpretazione contrattuale” del Direttore Generale e auspicando l’intervento anche dei vertici regionali CISL, in una situazione che sicuramente non depone in favore di un’Organizzazione Sindacale che la vede a livello regionale, con reciproca soddisfazione, lavorare di concerto con tutte le altre, attendiamo spiegazioni dalla CISL-fp di Taranto e il ritiro e l’annullamento da parte della Direzione Generale dell’ASL di Taranto degli accordi presi con la sola CISL-fp.

Tutto questo considerato anche che le uniche possibili soluzioni a lungo termine alle problematiche di quest’ASL sono state pubblicizzate dall’ANAAO e che tale Organizzazione Sindacale non si è mai sottratta né al confronto né all’obbligo civile di denuncia.

In attesa di un cordiale e sollecito riscontro invio i miei più cortesi saluti.

Dott. Giancarlo Donnola
Consigliere Nazionale
Segretario Aziendale   
Anaao-Assomed Taranto
 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento