Essere e identità nel viaggio libro del sottosuolo dei demoni di Pierfranco Bruni

Condividi

di Stefania Romito

Un viaggio tra antropologia e filosofia nella storia delle civiltà. È questo il cuore delle oltre duecentocinquanta pagine che Pierfranco Bruni pone come teatro in uno scenario in cui la dialettica è punto di riferimento nel suo Il sottosuolo dei demoni. Filosofia e dissolvenza edito in una elegante veste per l’editore Solfanelli.

Una cosmologia dei linguaggi fanno di questo percorso filosofico una vera e propria estetica delle conoscenze, ponendo all’attenzione metafore e ossimori che sono cerchio non più empirico ma profondamente metafisico.

Bruni è un viaggio. Un viaggio fedele tra gli scrittori che lo hanno sempre accompagnato tra gli sbalzi, come egli stesso sottolinea, delle ombre. Un ulissismo che è un viaggio a volte mistico alla ricerca della conoscenza. La piazza del suo pensiero è un’idea complessa che parte da molto lontano. Il tema della piazza è la voce del suo mosaico tra il patire e la mescolanza tra essere e identità. Una antropologia che ha bisogno della filosofia ed entrambe sono nella letteratura.

Un lavoro molto articolato che va considerato come il Bruni pensiero. Infatti il sottosuolo è vivere di solitudine non restando mai soli. I demoni sono il superamento religioso di un teologico modello affabulatorio. Tutto diventa dissolvenza.

Nietzsche e Dostoevskij sono i porti sicuri. Ma in questi due riferimenti si innervano una filosofa come Maria Zambrano e uno  scrittore e poeta come Cesare Pavese. Ciò che resta è l’incontro tra il mito come immagine e immaginario e il pensiero che tocca la contemplazione.

Un libro, questo di Pierfranco Bruni, che è un viaggio. Non solo il suo, ma di una intera civiltà dentro la quale la tradizione dell’incontro tra Occidente e Oriente diventa cultura dell’appartenenza.

 

Condividi

Stefania Romito

Stefania Romito è giornalista radiotelevisiva e scrittrice.

Lascia un commento