Il mito di EXCALIBUR sulle sponde del Mar Piccolo

Condividi

Domenica gran finale per «Medioevo Prossimo Venturo»: evento della Mostra del Cinema di Taranto

 Ultimo appuntamento per la rassegna cinematografica «Medioevo Prossimo Venturo»: attrattività turistica, valorizzazione delle risorse ambientali, antropologiche e alimentari del territorio. Sede dell’evento l’Oasi dei Battendieri sul Mar Piccolo di Taranto.

La tre giorni di visite guidate, degustazioni di prodotti tipici, narrazioni sul Medioevo e proiezioni di film si concluderà domani, domenica 22 agosto e il tema della serata sarà «Artù e i cavalieri della Tavola Rotonda». Si inizia alle ore 19:00 con degustazione di benvenuto e visita guidata a cura di Massimo De Solda, gestore dell’Oasi dei Battendieri. Alle ore 20:10 il regista Massimo Cerbera terrà una relazione su «Storie del Passato al Cinema». Spazio ai film dalle 20:30 con «Excalibur» di Boorman e «Lancillotto e Ginevra» di Bresson. Durante la serata è previsto il saluto di Aldo Patruno, direttore del Dipartimento Turismo della Regione Puglia.

Per tutte le attività (degustazione, visita guidata, presentazione del tema, proiezione dei due film) è previsto un ticket d’ingresso complessivo di 1 euro a giornata. Durante le serate verranno applicate tutte le normative anti-Covid attualmente vigenti ed è richiesta la prenotazione telefonando al numero 335306760. Si accede solo se muniti di Green Pass.

La kermesse, organizzata da Levante International Film Festival e Mostra del Cinema di Taranto con la direzione artistica del regista Mimmo Mongelli, vede il sostegno di Regione Puglia – assessorato alla cultura, Puglia 365 – programmazione «Custodiamo la Cultura in Puglia» (fondo speciale per la Cultura e il Patrimonio Culturale L.R.40 art.15 comma 3 – Investiamo nel vostro futuro) e Teatro Pubblico Pugliese.

Pagine Facebook: «Mostra del Cinema di Taranto» e «Levante International FilmFestival». Indicazioni Google Maps per Oasi dei Battendieri: https://goo.gl/maps/HyUf7yogyBR32aPB6

 

 

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento