II Rassegna organistica grottagliese. Concerto all’organo rinascimentale della chiesa madre di Grottaglie del Maestro Stefano Pellini

Condividi

La seconda Rassegna organistica all’insegna del Santo Patrono S. Francesco de Geronimo rientra nel “FESTIVAL ORGANISTICO SALENTINO”

GROTTAGLIE (Ta) – Nell’abito dei festeggiamenti del Patrono principale di Grottaglie San Francesco De Geronimo si apre la seconda Rassegna Organistica “Laudate Deum in chordis et organo” con un concerto che il maestro Stefano Pellini terrà, sabato 28 agosto alle ore 21, all’organo rinascimentale della chiesa madre collegiata Maria SS.ma Annunziata. cartolina concetto 28 agosto-12 dicembre

La ripresa della manifestazione musicale, interrottasi lo scorso anno per via della pandemia, viene così salutata dal maestro Nunzio Dello Iavovo, direttore artistico della medesima Rassegna: “Presentiamo,  negli ultimi mesi di questo anno, la seconda edizione della Rassegna condotta al prezioso organo rinascimentale della Chiesa Collegiata di Grottaglie. Ci auguriamo di poterla portare serenamente a compimento.   Tre i concerti previsti: il primo (sabato 28 agosto) col maestro Pellini; il secondo (domenica 21novembre) con Federica Iannella, e il terzo (domenica 12 dicembre) con Margherita Sciddurlo. Una rassegna, quest’anno, che suona molto “italiano”; infatti i programmi scelti dagli organisti che si  avvicenderanno  presentano molti  autori italiani  in  un  arco  temporale  che  tocca  tre  secoli, dal  primo  Seicento  all’Ottocento,  dal  periodo  tardo rinascimentale  di  Girolamo  Frescobaldi  ai  temi popolari  di  un  musicista  lombardo,  padre  Davide  da Bergamo,  francescano  dei  frati  minori,  noto  anche per  aver  espresso  in  musica,  scegliendo  per  questo addirittura l’organo,  lo spirito patriottico nazionale del Risorgimento.

Il  primo  concerto  ospita  una  proposta  del  “Festival organistico del Salento” (direzione artistica Francesco Scarcella) giunto quest’anno alla settima edizione; festival itinerante nell’ampio territorio del Sud della  nostra  regione  che  costituisce,  pur  contando ancora pochi anni di attività, una delle manifestazioni di  gran  lunga  più  rinomate,  in  ambito  nazionale, dedicate  a  questo  strumento  e,  più  in  generale,  alla concreta  valorizzazione  del  patrimonio  di  enorme valore strumentale e storico costituito da questi organi e in particolare dal preziosissimo organo grottagliese.

E tutti italiani sono gli  organisti  protagonisti: sono infatti rappresentate l’Emilia  Romagna  con Stefano  Pellini  (28  agosto), le Marche  con  Federica  Iannella  (21  novembre,  per  la festa di santa Cecilia) e la Puglia con Margherita Sciddurlo (domenica 12 dicembre)”.

Il Maestro Pellini, nato a Modena, diplomato in Organo col massimo dei voti, ha completato i percorsi formativi di II livello in  Discipline  Musicali  (Organo)  e  Didattica  della Musica,  entrambi  con  lode.  Perfezionatosi  con  L. F. Tagliavini, M. Torrent, A. Marcon, P. Westerbrink, B. Leighton, K. Schnorr, O. Mischiati, M. Imbruno, svolge un’intensa attività concertistica sia in veste di  solista che  in  varie  formazioni.  Ha  inaugurato restauri  di  importanti  organi  storici,  nonché strumenti di nuova concezione. Ha inciso “Riverberi, 900 e oltre” per Elegia Records (giudizio “ottimo” della rivista “Musica”), e sue registrazioni sono state trasmesse dalla Radio Vaticana. Nel 2016 è uscito un CD monografico dedicato alla musica di J. S. Bach (giudizio “eccezionale” della rivista “Musica); del 2020 è un’incisione discografica su G. F. Händel.

Organista  titolare  dell’Abbazia  benedettina  di San Pietro e della Chiesa di S. Maria delle Assi in Modena – al cui organo ha dedicato il CD “Organ music  around  Via  Aemilia”  (anch’esso  giudizio “ottimo” della rivista “Musica”)  –  è membro della giuria in concorsi organistici internazionali e ha tenuto oltre settecento  concerti  in  Italia  e  all’estero  (Europa, Giappone, USA).

Il programma all’organo rinascimentale di Grottaglie, da poco opportunamente revisionato dalla Ditta Ruffatti di Padova grazie al sostegno offerto dalla “Pluriassociazione S. Francesco De Geronimo”,  prevede l’esecuzione dei brani seguenti:

  1. PASQUINI (1637 – 1710): Toccata, tema e variazioni
  2. STORACE (1637 – post 1663): Ciaccona

ANONIMO SPAGNOLO (sec. XVIII): Las Folias

ANONIMO EMILIANO (SEC. XVIII): Elebazione

  1. F. HÄNDEL (1685 – 1759): Suite in re minore (Allemanda/Corrente / Sarabanda/Giga)
  2. DONIZETTI: (1797 – 1848), Arpeggio per organo
  3. DAVIDE DA BERGAMO: (1791 – 1863): Marcia in DO maggiore
  4. PROVESI: (1770 – 1833): Adagio – Sinfonia
  5. PASQUINI (1637 – 1710): Toccata, tema e variazioni
  6. STORACE (1637 – post 1663): Ciaccona

ANONIMO SPAGNOLO (sec. XVIII): Las Folias

ANONIMO EMILIANO (SEC. XVIII): Elebazione

  1. F. HÄNDEL (1685 – 1759): Suite in re minore (Allemanda/Corrente / Sarabanda/Giga)
  2. DONIZETTI: (1797 – 1848), Arpeggio per organo
  3. DAVIDE DA BERGAMO: (1791 – 1863): Marcia in DO maggiore
  4. PROVESI: (1770 – 1833): Adagio – Sinfonia

Appuntamento, quindi, da non perdere per sabato 28 agosto alle ore 21.00 presso la Chiesa Madre Collegiata Maria SS.ma Annunziata di Grottaglie, sita nella storica Piazza Regina Margherita.

 

Si ricorda che, in ottemperanza alle disposizioni vigenti, nel sacro tempio è obbligatorio l’uso della mascherina.

 

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento