APERTAMENTE di Assunta Indiveri. Io ci sono … i perché di una scelta

Condividi

Non sono mai stata iscritta ad un partito o ad un movimento politico. Troppo impegnata tra scuola, studio, lavoro di insegnante prima e dirigente dopo, sindacato, sport, sicurezza stradale e poi, come  tanti di voi, delusa dalla politica, con in testa “tanto sono tutti uguali, promesse in campagna elettorale puntualmente disattese una volta eletti, vogliono solo la poltrona, vogliono curare i loro interessi personali” e via dicendo.

Ma ad Alfredo Traversa prima, e ad Antonio Maglie dopo, non ho potuto dire di no. Entrambi sapevano che non mi sarei mai candidata e che avrei dato il mio sostegno e la mia collaborazione dall’esterno… ma loro hanno insistito.

Perché ho cambiato idea?

Perché, in questi ultimi cinque anni e mezzo, abbiamo raggiunto il punto più basso dell’ Amministrazione della nostra Città.

Perché ho pensato che non basta più lamentarsi di tutto ciò che non va, che serve a poco evidenziare le condizioni in cui versa la nostra cittadina e che peggiorano giorno dopo giorno, che è inutile denunciare il distacco, la mancanza di ascolto e dialogo dell’amministrazione nei confronti dei bisogni dei cittadini tanto non cambia nulla.

Perché abbiamo bisogno di ricreare un clima di fiducia reciproca e di benessere per ricostruire il senso di appartenenza alla nostra comunità.

Perché Grottaglie ritorni ad essere con fierezza la “Città delle Ceramiche” e non un qualsiasi anonimo paese quale è ormai diventato.

Perché il Consiglio comunale riprenda ad essere il luogo del dibattito e del confronto, espressione della democrazia rappresentativa, che è stato invece trasformato in un album di figurine senza identità né voce… tranne che per pronunciare “ presente, favorevole, contrario” con qualche eccezione dell’opposizione che, in questi ultimi tempi, si è fatta sentire contro l’attuale Amministrazione agonizzante ed ancora on line.

Perché in effetti da cinque anni e mezzo non faccio altro che fare opposizione all’Amministrazione uscente avendone validi motivi.

Ed allora mi sono detta che dalle parole bisogna passare ai fatti, che le critiche devono essere sostituite dalle proposte, che occorre affiancare alla ordinaria amministrazione, alla quale è tenuto a provvedere l’Ente locale, idee e progetti che tengano conto delle reali esigenze dei cittadini.

Per tutti questi motivi mi sono anche detta che bisogna metterci la faccia, che è necessario ribellarsi ad una gestione amministrativa che ci ha deluso e che ci vede insofferenti, che occorre dare a tutti noi una sferzata di speranza ed ottimismo perché insieme si può cambiare…di sicuro in meglio!

Ai miei concittadini posso solo promettere che, qualora fossi eletta, metterò a disposizione della comunità, come ho sempre fatto in tutta la mia carriera, la mia esperienza, il mio impegno, le mie competenze e soprattutto la mia credibilità… il mio motto è sempre stato e sarà: “ Fatti e non parole”.

Candidatura al Consiglio comunale di Grottaglie

Assunta INDIVERI 

per

 

 

 

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento