La V stagione dell’impresa: si è svolto lo scorso weekend in Cittadella delle imprese l’ultimo seminario del percorso di formazione

Condividi

Il Commissario straordinario: «Ora la fase costituente di una nuova stagione per il territorio tarantino»

 Si è svolto dal 3 al 5 settembre il fine settimana seminariale dedicato all’Estate de “La V stagione dell’impresa”, percorso di alta formazione per imprese e manager organizzato da Pontificia Università Antonianum e Camera di commercio di Taranto, con Centro di cultura per lo sviluppo “G. Lazzati” – Taranto, GPIC Frati Minori d’Italia, Federmanager, Askesis, Consorzio Costellazione Apulia ed Happy Network. Avviata nel novembre scorso, la “V stagione” si origina nel progetto di Rete internazionale per l’ecologia integrale, volto a porre le basi per una cultura ecologica quale nuovo paradigma di sviluppo, accogliendo il messaggio lanciato dal Pontefice nel 2015 con la sua Lettera Enciclica Laudato Si’.

«La V stagione dell’impresa è una sfida di altissimo livello. In un’ottica fortemente transdisciplinare, stiamo declinando le molteplici sfaccettature di una possibile economia integrale: terra, impresa e polis – spiega il Commissario Straordinario della Camera di commercio di Taranto, on. Gianfranco Chiarelli.

Questi tre elementi portanti sono alla base della licenza in filosofia con specializzazione in ecologia integrale attivata per l’anno accademico 2021/2022 presso la Pontificia Università Antonianum e concepita proprio qui a Taranto.

«Il weekend dedicato all’Estate ha chiuso il ciclo delle stagioni, avviando la fase costituente di una stagione nuova che porterà auspicabilmente anche alla applicazione di modelli imprenditoriali innovativi – sottolinea il Commissario, e contribuirà a rendere il nostro territorio non solo un laboratorio di cambiamento ma, altresì, un esempio replicabile di come, attraverso la costruzione di un pensiero condiviso e di strumenti concreti, si possano affrontare i problemi del presente e cogliere le opportunità del futuro».

 

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento