Di Gregorio (Pd): Proseguono i lavori del san Cataldo di Taranto ma la consegna dell’opera slitta di due mesi

Condividi

“I lavori di costruzione del nuovo ospedale San Cataldo di Taranto proseguono, ma hanno subito un lieve rallentamento a causa delle elevate temperature raggiunte nelle scorse settimane. Ciò comporterà un ritardo di due mesi nella consegna dell’opera rispetto alla data prevista di fine gennaio 2022”.

Lo afferma il consigliere regionale Vincenzo Di Gregorio (Pd), vicepresidente della Commissione Sanità riunitasi questa mattina a Bari. “Abbiamo appreso una serie di indicazioni molto utili – aggiunge Di Gregorio – riferite in audizione dal direttore generale dell’Asl di Taranto Stefano Rossi e dal direttore dei lavori. Nel cantiere attualmente operano dalle 270 alle 290 unità al giorno, 50 delle quali nel turno notturno. Nei mesi scorsi, però, gli operai non hanno lavorato di giorno per effetto delle norme a tutela dei lavoratori introdotte proprio dalla Regione Puglia. Ciò ha comportato un leggero ritardo rispetto al cronoprogramma. Attualmente è stato completato il 40% delle opere e nei prossimi giorni si raggiungerà il 60% con l’arrivo di alcune importanti apparecchiature”.

Il consigliere Di Gregorio ha chiesto rassicurazioni in ordine allo stanziamento delle somme necessarie per attrezzature e macchinari. “Da quanto riferito dal dg Rossi – aggiunge l’esponente Pd – abbiamo appreso che la Regione ha già predisposto una scheda per richiedere un finanziamento di 105 milioni di euro nell’ambito del Pnrr. Prendo atto di quanto è stato detto in Commissione, ma da parte mia continuerà l’impegno e l’azione di pressing sui tempi del finanziamento. Dobbiamo assolutamente evitare, infatti, che le somme necessarie e le gare, vengano espletate a lavori ormai conclusi. Il fattore tempo è un elemento determinante soprattutto per una comunità come quella tarantina che da anni è colpita da una grave emergenza sanitaria dovuta alla presenza del grande polo industriale”.

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento