Per situazioni di emergenza occorrono soluzioni di emergenza, senza scaricare sui cittadini come nel caso dei trasporti

Condividi

“È inconcepibile essere giunti a pochi giorni dalla nuova apertura delle scuole , gravati dalle stesse problematicità dei due anni precedenti .

Puldano (Ta) – Come presidente della 4^commissione pubblica istruzione del mio comune, chiederò un incontro ufficiale al Sindaco di Pulsano affinché si ottengano dal Prefetto, tramite il nostro primo cittadino,  maggiori chiarimenti concernenti i 400 mila euro immediatamente utilizzabili e che potranno essere indirizzati per una prima tranche di potenziamento dei trasporti, oltre i 600 milioni e i 150  che il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili ha messo a disposizione di Regioni, Province e Comuni per il trasporto scolastico.
Tutto ciò premesso, perché stamane ho appreso dalla stampa locale , anziché per vie istituzionali, che ieri nel corso della riunione del tavolo presieduto dal Dr Demetrio Martino è emersa la volontà di acquistare 22 autobus per il trasporto degli studenti , ma nonostante questo, l’integrazione dei mezzi per ora non scongiura l’inizio delle lezioni con il ricorso al doppio turno.
Gli ingressi scaglionati, dunque, secondo alcuni sindacati e l’AnP – Associazione nazionale Presidi – non sono la giusta soluzione per annullare le criticità previste con l’avvio dell’anno scolastico ; sarebbe opportuno quindi incrementare il numero di mezzi facendo, ad esempio,  ricorso al sistema trasportistico delle aziende private di noleggio con conducente ( Ncc ) , se non addirittura, coinvolgendo anche i pullman in dotazione alle forze armate .
Da tempo denuncio queste problematicità del trasporto locale senza che si arrivi mai a soluzioni concrete.
In alternativa, vista la situazione di emergenza,  i Prefetti , e soprattutto i Sindaci abbiano la decenza di prendere posizioni , anziché perdere ulteriore tempo nei tavoli di via Anfiteatro, indicando ai Dirigenti scolatici l’opzione del doppio turno, che a differenza di ciò che afferma qualche Preside intenta a distorcere le informazioni , non comporta assolutamente disagi alle famiglie, quanto al personale docente, che per anni , avendo
lavorato solo di mattina, forse, non vuole sacrificarsi.”

Angelo Di Lena- Consigliere dell’unione dei Comuni del versante orientale della Provincia di Taranto
 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento