Presentato a Bari il BIF&ST 2021 in programma dal 25 settembre al 2 ottobre

Condividi

𝗖𝗮𝗿𝗹𝗼𝘀 𝗦𝗮𝘂𝗿𝗮, 𝗠𝗶𝗰𝗮𝗲𝗹𝗮 𝗥𝗮𝗺𝗮𝘇𝘇𝗼𝘁𝘁𝗶, 𝗛𝗲𝗹𝗲𝗻 𝗠𝗶𝗿𝗿𝗲𝗻, 𝗧𝗮𝘆𝗹𝗼𝗿 𝗛𝗮𝗰𝗸𝗼𝗿𝗱 𝗚𝗶𝗮𝗻𝗳𝗿𝗮𝗻𝗰𝗼 𝗥𝗼𝘀𝗶, 𝗩𝗶𝘁𝘁𝗼𝗿𝗶𝗼 𝗦𝘁𝗼𝗿𝗮𝗿𝗼 𝗲 𝗟𝗶𝗻𝗼 𝗕𝗮𝗻𝗳𝗶: 𝘀𝗼𝗻𝗼 𝗮𝗹𝗰𝘂𝗻𝗶 𝗱𝗲𝗶 𝗽𝗿𝗼𝘁𝗮𝗴𝗼𝗻𝗶𝘀𝘁𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗲𝗱𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝟮𝟬𝟮𝟭 𝗱𝗲𝗹 𝗕𝗶𝗳&𝘀𝘁, 𝗶𝗻 𝗽𝗿𝗼𝗴𝗿𝗮𝗺𝗺𝗮 𝗮 𝗕𝗮𝗿𝗶 𝗱𝗮𝗹 𝟮𝟱 𝘀𝗲𝘁𝘁𝗲𝗺𝗯𝗿𝗲 𝗮𝗹 𝟮 𝗼𝘁𝘁𝗼𝗯𝗿𝗲, 𝗲 𝗽𝗿𝗲𝘀𝗲𝗻𝘁𝗮𝘁𝗮 ieri 𝗶𝗻 𝗰𝗼𝗻𝗳𝗲𝗿𝗲𝗻𝘇𝗮 𝘀𝘁𝗮𝗺𝗽𝗮 𝗱𝗮𝗹 𝗣𝗿𝗲𝘀𝗶𝗱𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗥𝗲𝗴𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗣𝘂𝗴𝗹𝗶𝗮 𝗠𝗶𝗰𝗵𝗲𝗹𝗲 𝗘𝗺𝗶𝗹𝗶𝗮𝗻𝗼, 𝗹’𝗮𝘀𝘀𝗲𝘀𝘀𝗼𝗿𝗲 𝗿𝗲𝗴𝗶𝗼𝗻𝗮𝗹𝗲 𝗮𝗹𝗹𝗮 𝗰𝘂𝗹𝘁𝘂𝗿𝗮 𝗠𝗮𝘀𝘀𝗶𝗺𝗼 𝗕𝗿𝗮𝘆, 𝗶𝗹 𝘀𝗶𝗻𝗱𝗮𝗰𝗼 𝗱𝗶 𝗕𝗮𝗿𝗶 𝗔𝗻𝘁𝗼𝗻𝗶𝗼 𝗗𝗲𝗰𝗮𝗿𝗼, 𝗶𝗹 𝗱𝗶𝗿𝗲𝘁𝘁𝗼𝗿𝗲 𝗱𝗶 𝟬𝟭 𝗗𝗶𝘀𝘁𝗿𝗶𝗯𝘂𝘁𝗶𝗼𝗻 𝗟𝘂𝗶𝗴𝗶 𝗟𝗼𝗻𝗶𝗴𝗿𝗼, 𝗹𝗮 𝗽𝗿𝗲𝘀𝗶𝗱𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗙𝗼𝗻𝗱𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗔𝗽𝘂𝗹𝗶𝗮 𝗙𝗶𝗹𝗺 𝗖𝗼𝗺𝗺𝗶𝘀𝘀𝗶𝗼𝗻 𝗦𝗶𝗺𝗼𝗻𝗲𝘁𝘁𝗮 𝗗𝗲𝗹𝗹𝗼𝗺𝗼𝗻𝗮𝗰𝗼 𝗲 𝗶𝗹 𝗱𝗶𝗿𝗲𝘁𝘁𝗼𝗿𝗲 𝗮𝗿𝘁𝗶𝘀𝘁𝗶𝗰𝗼 𝗱𝗲𝗹 𝗕𝗶𝗳&𝘀𝘁 𝗙𝗲𝗹𝗶𝗰𝗲 𝗟𝗮𝘂𝗱𝗮𝗱𝗶𝗼.




Il programma del Bif&st 2021 è stato inevitabilmente ridotto – non certo quanto alla sua qualità ma quanto al numero delle proiezioni e delle sale impegnate – in ragione dell’annunciata forte diminuzione dei mezzi finanziari disponibili in questo drammatico frangente legato alla pandemia e alle tante risorse economiche che essa esige. I risultati straordinariamente positivi ottenuti dalle precedenti edizioni del Bif&st – incluso quello “open air” dell’agosto 2020 – inducono la sua direzione artistica a rinnovare senza stravolgimenti la formula e lo schema di programmazione adottati negli ultimi anni e molto apprezzati da pubblico e stampa, ovviamente con una serie di aggiustamenti dovuti alle nuove location utilizzate, ovvero i quattro teatri storici della città, il Meglio dei Teatri: Petruzzelli, Piccinni, Kursaal, Margherita, impegnati nel Festival del cinema nei teatri.

Il Bif&st è un festival eminentemente culturale, senza fronzoli mondani né famigerati tappeti rossi, ma non per questo è meno popolare, vocato com’è a svolgere un’operazione di conoscenza approfondita del cinema e dell’audiovisivo di tanti Paesi (sono circa 30 le opere cinematografiche di tutto il mondo presentate ogni anno in anteprima assoluta italiana o mondiale) ma anche di quanto di meglio la storia del cinema ha narrato attraverso i film del passato. Senza conoscenza della storia non c’è futuro ma neppure comprensibilità piena del presente. È questa la ragione fondamentale per la quale il programma del Bif&st – fin dalle sue origini – include grandi retrospettive dedicate alle figure più eminenti del cinema e della sua industria, come la 01 Distribution nel 2021, ma anche una vetrina della produzione italiana ancora inedita. Il Bif&st dà lavoro a circa 200 persone fra preparazione, esecuzione, post-produzione. Le date del 2020 e 2021 sono state obbligate dalla pandemia e hanno visto il Bif&st schiacciato fra la Mostra del Cinema di Venezia (settembre) e la Festa del Cinema di Roma (ottobre) ma dal 2022 occorrerà tornare alle tradizionali date primaverili (26 marzo-2 aprile).

Il pubblico, formato soprattutto da giovani, ha sempre premiato in maniera strepitosa il programma del Bif&st con una media di spettatori – negli anni antecedenti la pandemia – di circa 75.000 partecipanti in soli 8 giorni: caratteristica quasi esclusiva del Bif&st se rapportata alla frequentazione di altre manifestazioni similari di durata anche più lunga. Ciò ha provocato considerazioni sorprese e commenti fortemente positivi da parte di quanti sono convenuti a Bari: i protagonisti del cinema italiano e internazionale e la stampa più qualificata. Se ne trova un’ampia traccia nel video di 15 minuti circa che ripercorre, con immagini e dichiarazioni, la storia dei primi 11 anni del Bari International Film Festival.

Questo video, aggiornato all’edizione 2020 svoltasi in gran parte all’aperto nelle arene “giuste”, quali Piazza Prefettura e Corte del Castello Svevo, verrà presentato nella serata inaugurale del prossimo Bif&st-Bari International Film Festival, la cui dodicesima edizione – posta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica – si svolgerà da sabato 25 settembre a sabato 2 ottobre 2021, promossa e finanziata dalla Regione Puglia, presidente Michele Emiliano, e dal suo Assessorato alla Cultura, assessore Massimo Bray, prodotta e finanziata dalla Fondazione Apulia Film Commission, presidente Simonetta Dellomonaco, con il contributo della Direzione generale cinema del Ministero della Cultura e la collaborazione dell’Unione Europea e del Comune di Bari, sindaco Antonio Decaro, e degli sponsor ANCE Bari e BAT, INAIL, Gruppo Marino Automobili, Monile-MarioMossa Gioielliere, Aeroporti di Puglia, ai quali quest’anno si aggiunge il logo Custodiamo la Cultura in Puglia 2021. Media partner: Rai, Corriere del Mezzogiorno, La Repubblica, Libreria Laterza, La Feltrinelli. Con la collaborazione del CSC e delle Università di Bari.

Presidente del Bif&st è la regista Margarethe von Trotta, presidente onorario Ettore Scola, ideatore e direttore artistico Felice Laudadio, direttore organizzativo Angelo Ceglie, consulente della direzione artistica Enrico Magrelli, programmer Giuliana La Volpe.

PROGRAMMA BIF&ST 2021

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento