Mercoledì del MArTA. Primi appuntamenti: il Patrimonio Monetale e il Festival della Storia Tarantina

Condividi

 I prossimi appuntamenti il 22 e il 29 settembre

TARANTO – Tornano i “Mercoledì del MArTA” che, nelle ultime due settimane di settembre, segneranno la ripresa del programma di conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Taranto dedicate alla storia, all’archeologia e alla cultura.

Si comincia il 22 settembre alle ore 18.00 con la conferenza, organizzata dal MArTA insieme all’Associazione Italiana di Cultura Classica – delegazione di Taranto, “La moneta nella storia delle idee. Una introduzione” del prof. Francesco Moliterni (Università “Aldo Moro” di Bari). La conferenza, introdotta dalla direttrice del MArTA Eva Degl’Innocenti, si svolgerà unicamente on-line sui canali Youtube e Facebook del MArTA.

Partendo dal Museo di Taranto, che conserva un patrimonio monetale tra i più importanti al mondo, si approderà alla discussione sulla moneta come fenomeno sociale complesso, così come enunciato dallo stesso Aristotele nella sua “Etica Nicomachea”.

La moneta è un fenomeno sociale complesso” – sottolineala direttrice del MArTA, Eva Degl’Innocenti.

Foto dei vassoi contenenti le monete custodite al MArTA

Il 29 settembre, invece a partire dalle ore 9.00, i Mercoledì del MArTA ospiteranno l’inaugurazione ed il primo appuntamento della prima edizione del Festival di Storia Tarantina.

Dopo i saluti istituzionali da parte dell’Assessore alla cultura del Comune di Taranto, Fabiano Marti, della Soprintendente della Soprintendenza Nazionale per il Patrimonio Culturale Subacqueo, Barbara Davidde e della presidente dell’Associazione “Orizzonte Cultura 2.0”, Mina Chirico, si entrerà nel vivo, alle ore 9.30, con la giornata di studio dal titolo “Dalla ricerca storica all’History Telling”.

Taranto riconquista uno spazio importante di discussione attorno al suo passato, fondamentale per cucire la trama della progettazione del suo futuro – dichiara ancora la direttrice del MArTA, Eva Degl’Innocenti – e questo Festival promosso da Orizzonte Cultura 2.0 offre anche l’opportunità di un approfondimento sull’insegnamento e sulla conservazione della memoria collettiva”.

Estratto da Voce del Popolo, 1910

L’appuntamento del 29 settembre prossimo vedrà le relazioni di Simonetta Buttò (direttrice dell’Istituto Centrale per il catalogo unico delle biblioteche italiane e per le informazioni bibliografiche del Ministero della Cultura) su “Mostre virtuali: uno strumento per raccontare la storia”; Eva Degl’Innocenti (direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Taranto – MArTA) su “Il museo: memoria, identità e innovazione”; Valentina Esposto (direttrice dell’Archivio di Stato di Taranto”, su: “Gli Archivi (si) raccontano in tempo di pandemia”; Annalisa Rossi (Soprintendente della Soprintendenza Archivistica e Bibliografica della Puglia) su “La trama d’archivio e la sua comunicazione: la tutela come dispositivo di valorizzazione”; Claudia Villani (Università degli Studi di Bari) su “Ricerca storica e pratiche della memoria nella nuova global public sphere. Problemi e prospettive”.

La giornata di studio “Dalla ricerca storia all’Historic Telling” si svolgerà in presenza nella Sala Incontri del Museo Archeologico Nazionale di Taranto. L’accesso gratuito, per una capienza massima consentita dalle normative anti-covid di 33 persone, avviene tramite prenotazione obbligatoria attraverso il sito www.shopmuseomarta.it

Antichi quinterni per la catalogazione dei reperti MArTA
 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento