Lunedì 27 settembre al Teatro Fusco omaggio a Verdi e Wagner

Condividi

Fabio Larovere

Lunedì 27 settembre (ore 18), al Teatro Comunale Fusco di Taranto, il Giovanni Paisiello Festival diretto da Lorenzo Mattei con l’organizzazione degli Amici della Musica “Arcangelo Speranza”, ritrova a distanza di un anno il divulgatore musicale Fabio Larovere, che torna nel capoluogo ionico per parlare del libro «V. e W. Perché non possiamo fare a meno di Giuseppe Verdi e Richard Wagner» scritto a quattro mani con Andrea Faini per le edizioni La compagnia della stampa. Dedicato alla grande

Michele Renna

cantante Daniela Dessì con la prefazione di Alberto Mattioli, il volume viene presentato da Fabio Larovere in un incontro impreziosito dagli interventi del pianista Michele Renna, giovane talento tarantino, nella cui esecuzioni si potranno ascoltare pagine di Wagner («Foglio d’album per Ernst Benedikt Kietz» e «L’arrivo dei cigni neri») e di Verdi  («Romanza senza parole»), ma anche pezzi verdiani e wagneriani in due celebri trascrizioni di Liszt, la “Danza sacra e duetto finale” da «Aida» e l’aria finale del «Tristano e Isotta» “Isoldens Liebestod”. L’appuntamento è a ingresso libero con prenotazione obbligatoria al numero 099.7303972.

Nati lo stesso anno, prediletti dalla stessa Musa, uniti da un comune destino di grandezza, eppure lontani, diversi, rivali, Verdi e Wagner sono le due facce complementari del teatro musicale del diciannovesimo secolo, protagonisti di una sfida infinita: belcanto mediterraneo contro dense armonie nordiche, drammi borghesi contro miti tragici, semplicità contro complessità. E il libro, scritto a quattro mani da un verdiano di ferro e un wagneriano osservante, prosegue il duello moltiplicando i terreni di scontro, tra alfabeti musicali, processi e interviste impossibili, offrendo tuttavia agli appassionati (ma anche ai non addetti ai lavori) l’occasione di conoscere i due giganti dell’opera lirica con saggi, approfondimenti, consigli di lettura. Un compendio agile e divulgativo, da leggere e consultare, indispensabile per chi parteggia per Verdi o Wagner. Ma anche per tutti coloro che amano la grande musica. Il libro è l’occasione anche per festeggiare i dieci anni di attività di Cieli Vibranti, piattaforma culturale diretta dai due autori e promotrice di iniziative artistiche su tutto il territorio italiano, tra cui CidneON. Festival Internazionale delle Luci, I volti del Romanino. Rabbia e fede, “Suonami! Piazza che vai, pianoforte che trovi e Luminaria.

Anche quest’anno il Giovanni Paisiello Festival è organizzato sotto l’egida del Ministero della Cultura e della Regione Puglia, oltre a Conad e Banca di Taranto, e il patrocinio del Comune di Taranto. Alle manifestazioni si accede esclusivamente con il green pass. Tutte le info sono sul sito www.giovannipaisiellofestival.it

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento