«Il castello sul mare». Personaggi del ‘400 sbarcano in Puglia

Condividi

Cinema e teatro, visita virtuale e tour itinerante, colpi di scena e azioni rocambolesche. Il tutto ambientato nel Quattrocento, mentre ci si accomoda al proprio posto nella piazza d’Armi. Oltre 30 personaggi in abiti d’epoca per raccontare la storia de «Il Castello sul mare», evento senza precedenti in Puglia, che si terrà sabato 2 ottobre alle ore 20:30 nel Castello Aragonese di Taranto. L’ idea è di far vivere uno dei simboli della città jonica: non solo uno spettacolo, ma una storia che è parte integrante della vita del luogo che la ospita, che lo anima. L’organizzazione è di Terra Magica Arte e Cultura e nasce dal testo dell’autrice Barbara Gizzi e dalla direzione del regista Massimo Cimaglia. Un evento inedito e originale, totalmente gratuito, che vuole coniugare la bellezza del monumento con quella del paesaggio naturale che lo circonda: il mare.

L’IDEA. Accompagnare il pubblico in una immersione totale nelle storie raccontate. Un viaggio dentro un’avventura quattrocentesca animata da cavalieri, usurpazioni, drammi, amore, battaglie, che avviene nel continuo intrecciarsi di teatro e cinema. Segrete, prigioni, fossati, saloni, e poi il canale navigabile diventano luoghi di azioni che verranno proiettate, come integrazione dello spettacolo dal vivo, su un maxi schermo allestito nella piazza d’Armi della fortezza, dove saranno sistemati gli spettatori. Chi assisterà, seduto sulla sua sedia, sarà “costretto” a girarsi, a ruotare, in una sorta di evento itinerante, ma senza mai lasciare il proprio posto. Tutto è ambientato nel periodo in cui il Castello fu completato nella sua veste attuale dall’architetto Di Giorgio Martini.

IL CAST. Il comparto artistico è composto interamente da pugliesi. Protagonisti Francesco Iaia (il principe Raimondo) e Valeria Cimaglia (la principessa Sofia) insieme ad attori, figuranti e comparse rigorosamente in abiti d’epoca, forniti dall’associazione Maria D’Enghien. La parte tecnica è diretta da Francesca Gemmino, per la realizzazione della parte cinematografica. Ospite speciale, l’attrice Barbara Amodio che ha “prestato” la sua voce per il prologo dello spettacolo. In scena ci sarà anche il regista Massimo Cimaglia, nelle vesti de il principe Giovanni.

L’evento è stato presentato in conferenza stampa nel Castello Aragonese di Taranto. Presenti il regista Massimo Cimaglia «Abbiamo fatto rete con tantissime realtà e istituzioni del territorio, per un regalo alla città», il comandante del Castello Aragonese C.F. Vito Mannara «Confermiamo l’impegno della Marina Militare per offrire i nostri spazi come contenitore culturale e artistico» e il vicesindaco di Taranto e assessore alla cultura Fabiano Marti «L’amministrazione Melucci continua a puntare sui grandi eventi per il rilancio socio-economico di Taranto».

I PARTNER. Il progetto, che fa parte del dossier di candidatura Taranto capitale della cultura italiana 2022, vede il sostegno di: Regione Puglia, Teatro Pubblico Pugliese (custodiamo la Cultura in Puglia, PACT – fondo speciale per la Cultura e il Patrimonio Culturale L.R.40 art.15 comma 3 – Investiamo nel vostro futuro), Comune di Taranto, Comando marittimo Marina Sud, Crest, associazione Maria d’Enghien, Cinema Teatro Orfeo, Istituto Musicale Giovanni Paisiello, Palio di Taranto, Pro loco Taranto. Lo sponsor privato che ha creduto nell’impresa: SCM Ingegneria. Inoltre l’evento gode del patrocinio di Università Aldo Moro di Bari, Soprintendenza nazionale per il patrimonio culturale subacqueo, Club Unesco Taranto, associazione Amici del Castello Aragonese.

INFO INGRESSI. L’evento è gratuito. Per accedere, occorre prenotarsi telefonando ai numeri 3396259355 e 3355394694 fino ad esaurimento posti. È necessario essere in possesso di Green Pass e durante la serata verranno seguite tutte le disposizioni anti Covid.

«IL CASTELLO SUL MARE». SCHEDA DELLO SPETTACOLO

Autrice: Barbara Gizzi

Regia: Massimo Cimaglia

Direttore della fotografia: Francesca Gemmino

Interpreti e personaggi:

Francesco Iaia – principe Raimondo

Valeria Cimaglia – principessa Sofia

Daniele Palumbo – principe Giacomo

Giuseppe Marzio – vescovo Philippe

Delia De Marco – Isabella

Alessandro Calamunci Manitta – Ladislao

Giordano Agrusta – il prigioniero

Chicco Passaro – re di Napoli

Antonello Conte – Puccio

Luca Lippolis – carceriere

Domenico Brisci – boia

Lucio Melucci – soldato

e con Massimo Cimaglia nel ruolo del principe Giovanni

Figurazioni speciali

i soci dell’Associazione Maria D’Enghien – Taranto

i vogatori del Palio di Taranto

Fonico di presa diretta

Mirko Serio

Assistente alla regia

Silvia Micunco

Tecnici

Vito Marra

Walter Nobile

Marco Di Turo

Giovanni Di Roma

Costumi di scena

Associazione Maria D’Enghien – Taranto

Un ringraziamento speciale all’attrice Barbara Amodio per la sua «voce» nel prologo

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento