ASPETTANDO IL MYSTERIUM FESTIVAL – Mercoledì 29 settembre Remo Anzovino nella Concattedrale di Taranto

Condividi

«Taranto, profondamente spirituale…» «Di questa città ci si innamora all’istante», dice il popolare compositore e pianista, autore dell’originale “Una vela tra i Due mari”. Inizia “Aspettando il Mysterium Festival”, un anticipo della prossima rassegna di Fede, Arte, Storia, Tradizione e Cultura. A cura di Arcidiocesi, Comune di Taranto e Orchestra della Magna Grecia in collaborazione con Ministero della Cultura, Regione Puglia e le Corti di Taras

TARANTO – Mercoledì 29 settembre alle 21.00 nella Concattedrale Gran Madre di Dio di Taranto, il via ad “Aspettando il Mysterium Festival”, un anticipo della rassegna di Fede, Arte, Storia, Tradizione e Cultura, promossa dall’Arcidiocesi di Taranto con il Comune di Taranto e l’Orchestra della Magna Grecia, in collaborazione con Ministero della Cultura, Regione Puglia e le Corti di Taras.  La serie di eventi in programma a Taranto dal 29 settembre all’1 novembre, è realizzato anche grazie all’impegno del Comitato scientifico del Mysterium Festival e alla preziosa collaborazione di istituti, aziende e attività del territorio, fra questi: BCC San Marzano, Fondazione Puglia, Programma Sviluppo, Comes Chemipul, Fondazione Taranto e la Magna Grecia.

Tocca a Remo Anzovino, dunque, aprire la rassegna. E’ lui il primo compositore al quale è stata commissionata un’opera originale all’interno del progetto “Quadri sonori”. Titolo: “Una Vela tra i Due mari”. L’intenzione è quella di assegnare nell’arco di cinque anni opere originali di grandi artisti a chiese, angoli, siti rappresentativi di Taranto.

Aspettando Mysterium, Remo Anzovino in conferenza stampa

Anzovino, compositore e pianista, mercoledì 29 settembre alle 21.00 con l’Orchestra della Magna Grecia diretta dal Maestro Piero Romano e il L.A. Chorus diretto dal Maestro Luigi Leo, eseguirà nella Concattedrale Gran Madre di Dio, “Una Vela tra i Due mari”, opera scritta espressamente per l’occasione. Artista fra i più noti in Italia e all’estero, Nastro d’Argento per le diverse colonne sonore scritte ed eseguite per il cinema, ha lavorato per il teatro e le sonorizzazioni di opere. Caratteristica particolare delle composizioni di Anzovino sono il forte elemento visivo, la fusione dei linguaggi utilizzati, l’immediatezza delle melodie. Come autore ha legato il suo nome a personaggi e fatti della storia, dell’arte, della letteratura e dello sport di valore universale. Parallelamente all’attività compositiva e discografica, l’artista che apre la rassegna “Aspettando il Mysterium Festival” si è affermato anche come straordinario performer live a Londra, Tokio, Osaka, New York, Chicago e nei principali teatri e festival italiani.

Anzovino, l’effetto che le ha fatto Taranto.

«Sorprendente. Chi non la conosce può avere un’idea superficiale di una città che, invece, ha cultura e tradizione straordinarie, possiede qualcosa di profondamente spirituale. Non è stata solo una visita la mia, è stato un incontro con gente preparata, competente, disponibile umanamente nell’accompagnarmi e nello spiegarmi cosa, in quel momento, stessi osservando: Castello aragonese, San Cataldo, la Concattedrale, il Museo con tesori archeologici assoluti. Trascorrere dei giorni, immerso in una città per capire certe cose, è sempre stato il mio metodo. Proprio come in occasione della sonorizzazione di opere di Monet, Van Gogh, Picasso».

Prima volta a Taranto.

«Ho suonato in tutta la Puglia, ma qui non avevo mai tenuto un concerto. Per chi non la conosce bene, può pensare che questa città sia solo industria. E, invece, la cosa meravigliosa è che dopo un solo giorno, di Taranto ti innamori infinitamente: ha materiale storico, culturale, visivo enormi. Per me è una delle città-simbolo del Sud e per questo motivo, considerando le mie origini napoletane, ancora di più voglio legare la mia musica a Taranto».

Cosa ha realizzato per Taranto?

«Dal punto di vista del metodo tutta la mia musica è accomunata dall’elemento cinematico: attenzione, non “cinematografico” – cioè legato a immagini che scorrono su uno schermo e che il compositore deve commentare – bensì una musica che riesca a muovere immagini che sono dentro di noi: questo è l’elemento cinematico della musica. Al pubblico proverò a fare immaginare cose diverse, a tirare fuori le immagini interiori che ognuno di noi possiede».

Non solo una sonorizzazione, ma un’esperienza per chi l’ascolterà.

«Lo scopo è quello di mettere in relazione i movimenti, gli oggetti, gli angoli, che proverò ad evocare. Il mio obiettivo è scrivere ed eseguire una musica che faccia fare una vera e propria esperienza a chi l’ascolterà in quel posto preciso. Nel caso del “quadro musicale” commissionatomi, fare in modo che la musica sia esattamente la colonna sonora della Concattedrale Gran Madre di Dio».

Aspettando Mysterium, Piero Romano e Remo Anzovino

QUADRI SONORI

Hanno un’anima i nostri luoghi del cuore? Sì, ovviamente ce l’hanno. La  storia, l’arte, le tradizioni e l’appartenenza alla comunità ce li fanno sentire vicini, caldi ed emozionanti rendendoli unici, insostituibili. Ma adesso i nostri luoghi del cuore avranno anche un’anima musicale: diventeranno “Quadri Sonori”. Non ci sarà solo l’arte figurativa a farceli ammirare, non ci sarà solo l’architettura, la bellezza delle forme. Potremo viverli in un’altra inedita dimensione.

L’ICO Magna Grecia, in collaborazione con il Comune di Taranto, ha avviato un progetto destinato a fare scoprire il patrimonio artistico e culturale di Taranto attraverso la musica. Grandi compositori/interpreti impegnati dal classico al moderno saranno invitati a visitare la città e a comporre, interpretando chiese, luoghi sacri, monumenti. Saranno così loro a dare qualcosa che ancora manca ad essi: un’anima musicale. Ogni “Residenza artistica” in città sarà propedeutica ad ogni opera d’arte musicale che arricchirà il patrimonio culturale fruibile in esclusiva nella città di Taranto.

Il primo dei “Quadri Sonori” è stato commissionato al Maestro Remo Anzovino. Una composizione ispirata alla Concattedrale Gran Madre di Dio, che sarà registrata nel suo luogo di destinazione ed essere fruibile per i visitatori.

Questo è il via al progetto che prevede in cinque anni la commissione di 15 brani originali al fine di dare un’anima musicale ad altrettanti luoghi di pregio della città. Grazie all’uso delle nuove tecnologie i visitatori, dotati di normali auricolari e device, avranno la possibilità di ascoltare i “Quadri” durante la normale visita dei luoghi interessati così da “aumentare” l’emozione delle visite stesse e offrire, in esclusiva, opere originali che si aggiungeranno al percorso turistico.

Tanti i compositori interessati dal progetto che verranno svelati, di volta in volta, con l’obiettivo di articolare un vero e proprio itinerario della musica da completare in occasione dei Giochi del Mediterraneo 2026.

REMO ANZOVINO

Remo Anzovino, quarantacinque anni, figlio di genitori napoletani, nato e cresciuto a Pordenone, compositore e pianista, nei primi anni di attività ha lavorato alla musica per il teatro e alle sonorizzazioni. Stabilisce uno straordinario rapporto tra cinema muto e musica, capovolgendo nei suoi concerti il rapporto tra immagini e suoni, proponendo l’accompagnamento dei brani con sequenze di film muti che fanno da colonna visiva della musica.

Le sue composizioni hanno in particolare un forte elemento visivo, la fusione dei linguaggi utilizzati, l’immediatezza delle melodie. Vincitore di un Nastro d’Argento, attraverso progetti discografici e colonne sonore cinematografiche, in qualità di compositore ha legato il suo nome a personaggi e fatti della storia, dell’arte, della letteratura e dello sport di valore universale quali Frida Kahlo, il disastro del Vajont, Vincent Van Gogh, Claude Monet, Paul Gauguin, Muhammed Ali, Pier Paolo Pasolini, “L’infinito” di Giacomo Leopardi, l’ossessione nazista per l’arte degenerata, Buster Keaton, Galileo Galilei, Tina Modotti. La sua ultima composizione, il “quadro sonoro” originale “Una Vela tra i Due Mari” dedicato alla Concattedrale Gran Madre di Dio, progettata da Giò Ponti.

Parallelamente all’attività compositiva e discografica, Anzovino si è affermato anche come eccezionale performer live a Londra, Tokio, Osaka, New York, Chicago e nei principali teatri e festival italiani.

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento