Lo sportello Informagiovani riparte in presenza, Melucci: «Così aiutiamo i ragazzi a non andare via»

Condividi

TARANTO – Dopo l’avvio virtuale del servizio, con un banner dedicato sul sito istituzionale dell’ente, lo sportello Informagiovani del Comune di Taranto riparte in presenza all’interno della biblioteca Acclavio.
Il servizio è stato presentato in conferenza stampa dal sindaco Rinaldo Melucci, dagli assessori alla Pubblica Istruzione e ai Servizi Sociali Deborah Cinquepalmi e Gabriella Ficocelli, e dal direttore generale di “Programma Sviluppo” Silvio Busico, ente di formazione cui ne è stata affidata la gestione.
Il personale, ogni lunedì dalle 9 alle 13:30 e ogni giovedì dalle 14:30 alle 17, sarà a disposizione di cittadini e imprese per informazioni e orientamento in ambito formativo, sulle offerte di lavoro e sulle opportunità per il tempo libero. Particolare attenzione sarà posta al riavvio della misura “Garanzia Giovani”, che consente ai ragazzi di effettuare tirocini formativi retribuiti e porre le basi per nuove attività.
«Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto dai nostri assessori – le parole del primo cittadino –, e della proficua collaborazione con “Programma Sviluppo”, sempre partecipe nel processo di transizione che sta compiendo la città. Con questo servizio offriamo ai giovani un’opportunità in più per “disfare le valigie” e scegliere di restare qui a costruire il proprio futuro. Con la nostra azione amministrativa abbiamo cancellato tutti gli alibi, il territorio è pronto e questo fermento è visibile proprio nelle iniziative come questa».
«Siamo orgogliosi di poter mettere al servizio della comunità tarantina la nostra esperienza e le competenze dello staff di “Programma Sviluppo” – le parole di Busico -. Abbiamo obiettivi ambiziosi per questo puntiamo sui giovani, ma anche sulle imprese del territorio: vogliamo diventare luogo di incontro tra offerta e domanda di lavoro, portando così avanti la missione che da anni ci vede protagonisti di successo. Lavoro, formazione, ma anche opportunità legate ai fondi messi a disposizione dall’Unione Europea: vogliamo che i giovani e le imprese possano trovare in questo Informagiovani anche uno sportello in grado di fornire risposte su lavoro e crescita».

 

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento