PoliticaPRIMO PIANO

Il Comune di Pulsano adotta il piano di eliminazione delle barriere architettoniche senza coinvolgere la consulta dei disabili

Condividi

Si tratta di una delle proposte avanzate nel 2017 dal Consigliere comunale di opposizione Angelo Di Lena presa parzialmente in considerazione .

Parzialmente soddisfatto il consigliere Di Lena che già nel 2017 👉🏻 http://www.delfinierranti.org/index.asp?sez=37&id=36128 ne avanzò la proposta, con la differenza che lui auspicava ad un coinvolgimento con la consultata dei disabili👉🏻 https://angelodilena.com/blog/746-due-anni-fa-fu-approvato-dal-consiglio-comunale-di-pulsano-l-istituzione-della-consulta-dei-disabili-su-proposta-del-consigliere-di-lena-ma-il-sindaco-lupoli-ha-mancato-di-rispetto-sia-all-assessore-mandorino-che-ai-disabili , ad oggi non costituita, nonostante una sua mozione approvata anche dalla maggioranza.

Di Lena, dopo aver letto la delibera di giunta dell’11 ottobre 2021, non si accontenta dei 5.000,00 € di contentino della Regione Puglia destinati a Pulsano per redigere il piano della barriere architettoniche tramite un tecnico. Dal suo punto di vista occorreva, alla base, coinvolgere le associazioni del territorio attraverso la consultata del disabili  per poi dare spunti al tecnico; invece, purtroppo, si è scelto di optare per un avviso pubblico (poco pubblicizzato), per dare la possibilità ai cittadini di fare osservazioni e questionari, ma il tutto è avvenuto a piatto già servito e con una operazione di finto confronto  istituzionale che avverrà in 3^commissione e, tra l’altro, senza far passare tale provvediamo dalla 4^commissione servizi sociali presieduta da Di Lena (vero attore del progetto che si batte da anni per disabili).
Insomma, su questo tema così importante, visto che le barriere architettoniche sono tutti gli elementi costruttivi che impediscono o limitano gli spostamenti o la fruizione di servizi alle persone disabili permanenti o a quelle con limitata capacità motoria o sensoriale, bisognava avere maggiore sensibilità ed è per questo che serviva programmazione ed una analisi seria.
Quando parliamo di barriere architettoniche noi di solito pensiamo ad accessi, ingressi, porte, pavimenti particolari, servizi igienici, ascensori.
Ma esistono anche innumerevoli casi di barriere meno evidenti, come altezze di vari elementi non fruibili per coloro i quali presentano un handicap motorio o fisico, parapetti che impediscono la visibilità a una persona in carrozzella o di bassa statura, banconi troppo alti, sentieri e strade dissestate o non asfaltate e, per i non vedenti, semafori privi di segnalatore acustico e oggetti in cui si può andare a sbattere, in quanto non rilevabili col bastone bianco.
Dobbiamo imparare a vedere il problema in maniera molto più approfondita e seria considerando tutte le possibili variabili.
Spesso si dimentica di considerare che esistono anche disabilità ‘temporanee’: una gamba o un braccio ingessato, una gravidanza.
Anche queste vanno tenute in conto quando si pensa ad uno spazio pubblico.
A volte anche una porta stretta, una pendenza eccessiva, uno spazio ridotto in una sala di attesa fanno la differenze.
Per non parlare delle c.d. barriere “virtuali”, come siti internet non conformi agli standard di accessibilità .
Un paese, per definirsi civile necessità di un confronto fra tutte le parti sociali anche perché la disabilità è una questione etica, non politica – conclude il presidente della 4^commissione servizi sociali del comune di Pulsano.

Angelo Di LenaConsigliere dell’unione dei Comuni del versante orientale della Provincia di Taranto

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare."Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento