CALCIO SERIE C: Taranto, sconfitta a Catanzaro per 3 a 0

Condividi

Il risultato è amaro e dice tutto di un Taranto che al Ceravolo ha comunque fatto il suo gioco senza difendersi. Il Catanzaro dal canto suo ha evidenziato una superiorità tecnica costante in tutta la partita. Molti gli errori dei difensori , fra tutti Riccardi e Zullo. Nel naufragio della difesa oggi si è salvato solo Ferrara. La vittoria dei calabresi è netta già nel primo tempo con due gol all’attivo. Nella ripresa il tris arriva su rigore. Il Taranto è assente non solo in   difesa, ma anche in attacco. In ogni caso si giocava contro una delle papabili alla promozione finale. E mercoledì la possibilità del riscatto nello scontro diretto contro la Fidelis Andria allo Iacovone.

Vediamo la cronaca

Nel primo tempo al 6’ subito vantaggio del Catanzaro con Cianci, che insacca su ribattuta di Chiorra dopo il tiro di Bombagi. Il guardalinee annulla per fuorigioco. Al 10’ Vandeputte, incontenibile per tutta la partita, ci prova con un destro a giro, ma la palla esce. Al 30’ Martinelli viene ammonito. Al 34’ il Catanzaro passa con una conclusione di  Cianci dopo una azione convulsa partita da un tiro di Vandeputte. Due minuti dopo al 36’ i padroni di casa raddoppiano: ancora Vandeputte che si accentra e tira di destro a giro una palla che si infila nell’angolo basso. Al 38’ viene ammonito Civilleri, piuttosto nervoso, sei minuti Cianci per fallo su Benassai. Al 46’ Pacilli viene ammonito. Un minuto più tardi Saraniti, si mangia un gol solo in area, il portiere catanzarese si supera e mette in corner.

Nel secondo tempo subito fuori Cianci al posto di Vazquez. Al 56’ ammonizione per Labriola. Al 60’ Santarpia e Bellocq sostituiscono Civilleri e Labriola. Al 62’ De Santis rileva Martinelli nei giallorossi. Al 67’ Bombagi va vicino al gol con un colpo di testa che Chiorra manda sulla traversa. Al 68’  Giovinco da lontano, ma Branduani mette in angolo. Al 70’ nel Catanzaro entra Porcino per Carlini. Al 73 ‘nel Taranto Pacilli esce per Mastromonaco. Al 74’ giallo per Ferrara. Al 76’ Giovinco ci prova da lontano, fuori di poco. All’81’ calcio di rigore per il Catanzaro. Riccardi  stende Vazquez ormai sulla linea di fondo. Dal dischetto Vasquez insacca con un diagonale preciso che batte Chiorra.  All’82’ fuori Vandeputte e Bombagi nei giallorossi, per Cinelli e Curiale. Un minuto dopo doppio cambio anche per il Taranto: fuori Giovinco e Ferrara, dentro Ghisleni e De Maria. All’84’ ammoniti Marsili e Fazio, in seguito ad un battibecco tra le due squadre. Non ci sono ulteriori sussulti fino alla fine.

La sintesi della partita nelle parole dell’ allenatore del Taranto Giuseppe Laterza ad Eleven Sport

“Era una partita dura e lo sapevamo. Abbiamo preso due gol concedendo troppo campo e poi lasciando l’interno ad un giocatore bravo come Vandeputte. Nel primo tempo abbiamo fatto fatica, nella ripresa c’è stata la reazione creando anche qualche occasione per accorciare, poi il rigore ci ha spezzato le gambe. Giocare su un campo del genere contro un’ottima squadra non era facile ma noi dobbiamo dare sempre il massimo e oggi i ragazzi lo hanno fatto; abbiamo sbagliato in alcune situazioni e una ad una squadra come il Catanzaro non puoi lasciare tanto campo”.

CATANZARO-TARANTO 3-0
Catanzaro : Branduani; Scognamillo, Fazio, Martinelli (62’ De Santis); Rolando, Verna, Welbeck, Vandeputte (82’ Cinelli); Carlini (70’ Porcino); Bombagi (82’ Curiale), Cianci (46’ Vazquez). A disp.: Romagnoli, Tentardini, Monterisi, Ortisi, Risolo, Bearzotti, Gatti. All.: Calabro.
Taranto : Chiorra; Riccardi, Zullo, Benassai, Ferrara (83’ De Maria); Labriola (60’ Bellocq), Marsili, Civilleri (60’ Santarpia); Pacilli (74’ Mastromonaco), Saraniti, Giovinco (83’ Ghisleni). A disp.: Loliva, Antonino, Tomassini, Granata, Cannavaro, Italeng. All.: Laterza.
Arbitro: Francesco Carrione di Castellammare di Stabia.


Condividi

Pierpaolo Piangiolino

Avvocato e grafologo giudiziario iscritto all'albo dei CTU e periti del Tribunale di Taranto. Calligrafo e Tecnico di Biologia Marina specializzato presso l’Università di Bari. Romanziere, vignettista e cruciverbista

Lascia un commento