Due workshop gratuiti per i giovani con “Ketos per la Blue economy”

Condividi

Ketos Centro Euromediterraneo del Mare e dei Cetacei si apre alla collaborazione con artigiani e creativi locali che, con le loro idee e il loro apporto, possono contaminare e arricchire le competenze dei giovani della città.

In due differenti giornate si terranno workshop nei quali verranno coinvolti sei giovani di Taranto per diffondere la conoscenza delle tecniche basi di falegnameria, dell’artigianato ecosostenibile e dei principi di progettazione e costruzione di arredi di uso quotidiano come tavoli e sedie.

Il primo workshop si terrà, dalle ore 9,30 alle ore 12,30 di domenica 17 ottobre, presso la sede di “La Factory”, in via Niceforo Foca n.30 a Taranto, nella zona di Porta Napoli.

Il secondo avrà luogo invece, dalle 9,30 alle 12,30 di giovedì 21 ottobre, presso Ketos Centro Euromediterraneo del Mare e dei Cetacei, nel Palazzo Amati in Vico Vigilante, in Città Vecchia a Taranto.

Per partecipare, le due iniziative sono gratuite, telefonare allo 0994706269 o al 3442772541 o inviare una mail a progettoketos@gmail.com.

 

Con i due workshop si intendono applicare i principi della Blue Economy avvalendosi di buone pratiche di economia circolare, in particolare realizzando manufatti con legname proveniente da prodotti di scarto.

Alla base delle attività, infatti, ci sono le teorie all’economista Gunter Pauli che, per concepire la blue economy, si è ispirato a uno dei principi fondamentali della natura: nulla è sprecato e tutto viene riutilizzato!

I workshop saranno curati da Francesco Maggio e Alessandra Pischetola, componenti del collettivo “La Factory-Handmade in Italy” che coordina l’azione progettuale nella quale vengono sperimentate nuove tecniche di produzione dei manufatti.

Tra i formatori anche Walter Pulpito, ideatore del disegno del tavolo “la settima Onda” che, al termine del percorso, sarà collocato in Ketos – Centro Euromediterraneo del Mare e dei Cetacei in Palazzo Amati.

L’azione rientra nel progetto “Ketos per la blue economy” sostenuto dalla Regione Puglia, Sezione Economia della Cultura – Custodiamo la cultura in Puglia 2021 Misure di sviluppo per lo spettacolo e le attività culturali.

 

 

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento