Dalla Regione Puglia più agevolazioni a fondo perduto per le Pmi

Condividi

Casartigiani pronta a fornire assistenza alle imprese artigiane

La Regione Puglia ha pubblicato nei giorni scorsi il nuovo avviso del Titolo II che rappresenta una delle agevolazioni più utilizzate dalle piccole imprese pugliesi.

Nella nuova versione della misura si registrano importanti novità: oltre 2 miliardi di investimenti e più agevolazioni a fondo perduto per le piccole e medie imprese.

In particolare per il Titolo II Capo 3, che si rivolge ad imprese micro, piccole e medie che operano principalmente nei settori del commercio, dell’artigianato e del manifatturiero, il contributo aggiuntivo in conto impianti (a fondo perduto) sale al 30% dell’investimento ammesso in attrezzature e macchinari (prima era del 20%) e all’importo massimo di 1,2 milioni di euro per le medie imprese (rispetto agli 800mila euro previsti prima della modifica). Lo stesso contributo a fondo perduto sale al 35% dell’investimento e all’importo massimo di 700mila euro per le piccole imprese (prima erano rispettivamente il 20% e 400mila euro).

Per le imprese che hanno conseguito il rating di legalità, l’importo massimo del contributo in conto impianti è elevato a 1,3 milioni di euro per le aziende di media dimensione e a 800mila euro per le piccole (contro i 900mila e 500mila euro di prima). Stesse modifiche per il Titolo II Capo 6, che si rivolge a Pmi che operano nel settore turistico-alberghiero con la differenza che il contributo aggiuntivo a fondo perduto viene calcolato sull’intero investimento. In aggiunta a queste modifiche, potranno avvalersi delle agevolazioni del Titolo II Capo 3 anche le farmacie e le imprese di commercio al dettaglio di carburante purché si tratti di combustibile alternativo quale gas naturale, biogas, idrogeno, elettrico, biocombustibile, combustibili sintetici.

«Si tratta di un’importante novità che certamente aiuterà le imprese artigiane del territorio a rimettersi in carreggiata e uscire dal lungo e complicato periodo di crisi provocato dall’emergenza epidemiologica da Covid-19. – questo il commento del segretario provinciale di Casartigiani Taranto Stefano Castronuovo – Siamo quindi soddisfatti dell’evoluzione di questa misura regionale. Ringraziamo l’assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia Alessandro Delli Noci per l’attenzione e la sensibilità mostrata nei confronti della piccola imprenditoria regionale, la più colpita dalle conseguenze economiche della pandemia». Casartigiani, all’indomani dell’avvio di nuovi contributi, ribadisce pertanto il proprio impegno a sostegno a tutti i lavoratori delle imprese artigiane fortemente compresse nei mesi passati. «La nostra associazione sarà al fianco degli imprenditori per fornire un servizio di consulenza puntuale ed assistenza nella valutazione di ammissibilità della richiesta. – informa Castronuovo – I nostri uffici lavoreranno le pratiche per una corretta predisposizione della documentazione di ammissione alle agevolazioni previste e per la rendicontazione finale del programma d’investimento. Ancora una volta possiamo dire “Casartigiani c’è”».

 

Condividi

Redazione Oraquadra

La redazione.

Lascia un commento