Borraccino, economia sociale valore aggiunto per i nostri territori

Condividi

Sarà pubblicato giovedì 21 ottobre 2021, sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia, l’Avviso “PugliaCapitaleSociale 3.0”, dotazione finanziaria € 8.626.880,00.

Si tratta di un bando straordinario, messo in campo grazie all’impegno dell’Assessora Barone, del Presidente Emiliano e di tutta la struttura regionale delle politiche sociali, per incrementare la cittadinanza attiva e la promozione del welfare di comunità, grazie allo svolgimento di attività di interesse generale promosse da organizzazioni di volontariato, associazioni di promozione sociale e Fondazioni di terzo settore. Obiettivo del bando è altresì quello di dare linfa alle associazioni,  con concessioni e di contributi volti a  favorire la ripartenza, dopo le grosse difficoltà causate dell’emergenza COVID-19.

L’avviso consta di due linee di finanziamento. La Linea A punta sulla capacità delle organizzazioni di terzo settore di produrre capitale sociale adottando modalità innovative nelle comunità di appartenenza.  Sono ammessi dunque progetti con azioni di cittadinanza attiva, nei quali sia chiaramente esplicitato il valore sociale e il carattere innovativo delle iniziative proposte. Ciascun progetto potrà ricevere un contributo finanziario di €40mila e la quota di finanziamento regionale non potrà superare il 90% del costo totale ammissibile del progetto approvato. La restante quota del progetto approvato (cofinanziamento), pari almeno al 10%, resterà a carico dei soggetti attuatori.

Con la Linea B la Regione Puglia sostiene, invece, attività ordinarie delle associazioni che nel corso del 2020 e del primo semestre 2021, per effetto delle disposizioni legate all’esigenza di contenere la diffusione del contagio da COVID-19, hanno faticato ad avere continuità o addirittura hanno dovuto intensificare la loro attività per fronteggiare le emergenze sociali ed assistenziali, contribuendo alla “tenuta” di moltissime comunità locali. Il rimborso sarà riconosciuto nella misura massima dell’80% delle spese effettivamente sostenute e documentate, considerate ammissibili, e comunque entro il limite massimo di 8.000,00 euro per ciascun richiedente.

Dal 22 ottobre, gli Enti interessati potranno candidare le proposte progettuali o effettuare la richiesta di rimborso delle spese sostenute e documentate, accreditandosi sulla piattaforma dedicata http://bandi.pugliasociale.regione.puglia.it/.

Un’altra pagina di buona politica, dunque, con i provvedimenti di economia sociale del bando “PugliaCapitaleSociale 3.0” che andrà a sostenere le organizzazioni del terzo settore, molto numerose in Puglia (circa 20mila, per un totale di oltre 30.000 dipendenti e 300.000 volontari) che svolgono ogni giorno attività fondamentali per i nostri territori.

 

Condividi

Valentina D'Amuri

Laureata in Progettazione e Gestione Formativa nell'era digitale, consegue il Master di II livello in Studi Strategici e Sicurezza Internazionale in concomitanza con il Corso Normale di Stato Maggiore della Marina Militare. Instructional Designer, collabora alla produzione di diversi progetti in ambito civile e militare. "Non chi comincia ma quel che persevera"

Lascia un commento