CALCIO SERIE C: il Taranto esce a testa alta da Foggia e pareggia il derby

Condividi

Il Taranto pareggia a Foggia in un derby intenso andato di scena allo Zaccheria, riuscendo a guadagnare un punto importante con una partita di spessore. Grande prestazione della squadra, su tutti Civilleri, vera diga di centrocampo, miglior giocatore in campo. Entrambe le squadre si dannano l’anima con i portieri impegnati più volte durante i 90’. Il Taranto sblocca la gara con un calcio di rigore di Saraniti nel primo tempo, i rossoneri pareggiano nella ripresa.

Vediamo la sintesi

Nel primo tempo al 5’ Curcio ci provar dalla distanza,  Chiorra che blocca. Al 15’ Saraniti ci prova dal limite, Di Pasquale evita il gol. Al 16’ calcio di rigore per il Taranto: il portiere Alastra frana su Saraniti, l’arbirto concede il penalty. Dal dischetto Saraniti non sbaglia. Al 21’ ancora Foggia: Curcio crossa per Ferrante che di testa tira incredibilmente fuori. Al 32’ azione incredibile del Taranto: Santarpia in contropiede, calcia di destro dal limite, Alastra respinge sui piedi di Saraniti, che tira di nuovo in rete ma ancora l’estremo difensore dei padroni di casa dice di no e poi blocca. Al 33’ doppio cambio nel Foggia: Merola e Martino per Rizzo Pinna e Di Jenno. Al 41’ Foggia con Di Pasquale dai 25 metri, palla a lato di poco. Al 43′ tiro centrale di Curcio che sfiora la traversa di Chiorra. Al 47′ conclusione di Rizzo Pinna dal limite, palla sul fondo.

Nel secondo tempo al 61’ Petermann tira dal limite, la palla è centrale e Chiorra para.  Al 67’ pareggio del Foggia: Petermann su passaggio di  Curcio salta Ferrara e esplode un potente diagonale basso, su cui Chiorra non  fare nulla. Al 69’ Rocca si presenta solo davanti a Chiorra, che sventa la minaccia. Al 70’ è invece Saraniti solo davanti ad Alastra, ma il suo tiro però viene deviato provvidenzialmente dal rientrante Di Pasquale.. All’86’ Marsili fionda un pallone dai 20 metri, ma Alastra blocca. Al 90’ il Foggia con Di Jenno ci prova, ma Chiorra blocca a terra la sfera.

La sintesi della partita nelle parole del secondo di Laterza, mr Lentini

“Dopo la sfida di oggi va fatto un plauso a tutti i ragazzi” – ha dichiarato Vincenzo Lentini, vice di Laterza, al termine della sfida contro il Foggia – “è uscito fuori tutto il carattere e la determinazione di questa squadra. Forse nella fase di possesso palla potevamo essere più lucidi e gestire meglio la palla, approfittando di diverse situazioni”.

“Si, ci siamo difesi nella nostra metà campo” – aggiunge Lentini analizzando il match – “il Foggia veniva ad aggredirci alti lasciando molti spazio dietro. In contropiede potevamo sfruttare meglio 3/4 situazioni, peccato non esserci riusciti”.

E sul campionato, “quest’estate siamo partiti con la società costruendo una squadra giovane che avesse anche qualità. Dopo 11 partite ci ritroviamo con 17 punti, siamo contenti dell’inizio del campionato ma non ci accontentiamo. Ci mancano ancora diversi punti per la salvezza e poi quello che verrà dopo sarà tutto di guadagnato”.

FOGGIA-TARANTO
FOGGIA: Alastra; Garattoni, Sciacca, Di Pasquale (82’ Vigolo), Martino (33’ Di Jenno); Gallo (75’ Garofalo), Petermann, Rocca; Merola (33’ Rizzo Pinna; 82’ Girasole), Ferrante, Curcio. A disp.: Volpe, Merkaj, Maselli, Ballarini, Tuzzo. All.: Zeman.
TARANTO: Chiorra; Riccardi, Zullo, Granata (66’ Tomassini), Ferrara; Marsili, Civilleri; Mastromonaco (83’ Labriola), Giovinco (83’ Ghisleni), Santarpia (63’ De Maria); Saraniti. A disp.: Loliva, Antonino, Falcone, Bellocq, Pacilli, Cannavaro. All.: Laterza.
Arbitro: Mario Saia di Palermo.

 

Condividi

Pierpaolo Piangiolino

Avvocato e grafologo giudiziario iscritto all'albo dei CTU e periti del Tribunale di Taranto. Calligrafo e Tecnico di Biologia Marina specializzato presso l’Università di Bari. Romanziere, vignettista e cruciverbista

Lascia un commento