Il Buongiorno di Pina Colitta. L’amicizia vera e reale percorrendo i sentimenti

Condividi

Un buongiorno sempre percorrendo i sentieri dell’amicizia. Solo le “vere amicizie” diverranno grandi. L’amicizia, in definitiva, è la capacità di stare uniti, pur essendo diversi.  Ma che cos’è che rende un’amicizia duratura nel tempo? E, soprattutto, cosa spinge le persone a riconoscersi e diventare amiche se il grande Ernest Hemingway osava dire “ Preferisco un nemico sincero a gran parte degli amici che ho conosciuto.” Proviamoci un attimo a comprenderlo…Alcuni ricercatori per rispondere a questi quesiti, hanno coniato l’espressione “firma neuronale”. Secondo questi accreditati studiosi, in una interessante ricerca psicologia dell’amicizia, hanno evidenziato con tanto di test dimostrativi, che esiste una cosiddetta “firma neuronale” che permette l’instaurarsi di una relazione amicale tra due o più persone. Ovviamente i test sono stati somministrati a persone adulte e precisamente a vari studenti universitari, all’oscuro del motivo della ricerca.  Attraverso questi studi l’amicizia è stata analizzata da vari punti di vista e in ogni fase della vita di un individuo ed anche in diversi contesti, per appurare ad esempio se alcune amicizie si fossero sviluppate all’interno di un contesto classe o altrove. E’ stato utile per la ricerca anche visualizzare l’amicizia attraverso filmati, documentari riportanti scene di vita reale, commedie e film. Insomma monitorati i loro giudizi e le loro percezioni sui video visti, si è potuto appurare che le persone in amicizia avevano un’attività cerebrale molto simile nel momento in cui esprimevano la valutazione. Ed ecco la spiegazione di questa “firma neuronale”… L’amicizia si costruisce laddove esistono delle firme neuronali e biologiche pre-esistenti, inerenti opinioni, interessi e valori. Vi chiederete “E allora cosa significa tutto ciò?” Semplicemente che i cervelli degli amici, quindi, si somigliano e si sviluppano allo stesso modo, nel tempo, pur rimanendo tra loro diversi per cui se tale fondamento neuronale non c’è, è probabile che un’amicizia, potrebbe iniziare, ma potrebbe anche essere di breve durata. E torniamo alle due mele rosse e gialle menzionate  l’altro giorno, potranno essere della stessa sostanza e avere la stessa forma, ma mai perfettamente compatibili.

Per trovare un amico, bisogna chiudere un occhio; per non perderlo, tutti e due.
(Norman Douglas)

 

Condividi

Lascia un commento