Il Buongiorno di Pina Colitta. Una passeggiata in natura.

Condividi

Un buongiorno nella natura… Facile a dirsi potrebbe commentare qualcuno, ma complicato a realizzarsi soprattutto se questo vuol dire spostarsi dal proprio paese e magari macinare un bel po di chilometri per trovare un piccolo boschetto che ci possa ospitare per respirare aria pura e per viverci un momento di estasi all’ombra di un grande albero…La natura non è esigenza di tutti, a quanto pare, se qualcuno ha trascorso il periodo estivo ad appiccare fuoco a destra e manca; Non lo è neanche di chi, per attraversamenti impervi e impraticabili riesce a buttare nel cuore di un insediamento rupestre, gomme, amianto o i resti di un bagno, presumibilmente sostituito da uno nuovo in qualche villa vicina. La domanda che mi verrebbe di fare a queste persone “a modo”:<< Sapete che la natura è vita e che contaminandola, distruggendola rechiamo danno a noi stessi?>> Un piccolo sfogo solo per convincere me stessa che gente che si adopera contro la natura non esiste. Come potrebbe esistere gente così insensibile se solo si adoperasse a fare una piccola ricerca sui potenziali che la natura può imprimere sulla salute? Come potrebbe mai un individuo buttare in un parco una bottiglia, una lattina o dei fazzolettini, sapendo che una passeggiata, in un luogo verde e ameno, potrebbe giovare ad un malato sostenendo e promuovendo la guarigione e il trattamento medico che sta ricevendo? Come potrebbe una persona “normale” lasciare in un bosco plastica e carta, testimonianza di un pic nic, sapendo che per i  nostri cinque sensi se sono completamente immersi nel mondo naturale, si attenua anche la risposta allo stress del corpo, con dei benefici, come se avessimo fatto delle pratiche di consapevolezza e di meditazione? La risposta? Può accadere tutto ciò perché esiste gente che non è natura e non è vita!!! Quindi, la prossima volta che hai la possibilità di scegliere tra accendere la TV o andare a fare una passeggiata al parco o al mare, getta il telecomando e metti su le sneakers e nel tuo cuore sarà sempre primavera.

Natura intima

Colori accesi

Vivaci tocchi

Qua e là picchiettati

Su terreni sorridenti

Paesaggi inondati

Di primavera

Luce nuova

È nascita

È vita

In ogni cosa

Effluvio di primavera

Ricama di fiori il cuore

Brezza cheta ti respiro e

Ti descrivo col mio canto

Che alto volerà sino al cielo.

Dalla raccolta “Passi… Nell’io” di Grazia Annicchiarico

 


Condividi

Lascia un commento